Qualche curiosità e accenno storico di What’s Going On, album di Marvin Gaye, pubblicato il 21 maggio 1971.

Inflazione, guerra, degrado ambientale, sovrappopolazione, proteste e sconvolgimenti sociali sono i temi di What’s Going On, album di Marvin Gaye, pubblicato il 21 maggio 1971. Sono passati cinquant’anni da quando è stato rilasciato e non è cambiato molto. Questo è uno dei motivi per cui questo album è ancora considerato uno dei migliori di tutti i tempi, nonché una delle dichiarazioni musicali e sociali più importanti di Marvin Gaye e probabilmente della Motown.

Marvin Gaye
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/MarvinGaye

Marvin Gaye: What’s Going On

Quando il disco di Marvin Gaye – What’s Going On – uscì nel 1971, la disoccupazione era al massimo, stimata al 6%: le persone protestavano contro la brutalità della polizia e gli americani erano arrabbiati per la guerra del Vietnam. Il disco rifletteva quei tempi con una precisione tagliente ed è diventato il più grande successo commerciale della Motown. E 50 anni dopo, i temi dell’album riflettono ancora alcune delle sfide e delle divisioni più significative che affrontiamo come società.

Il video del brano What’s Going On:

Molte persone potrebbero rimanere sorprese dal fatto che il fondatore della Motown – Berry Gordy – temeva che avrebbe rovinato la carriera di Gaye. “La Motown non era un’azienda costruita su alcun tipo di dichiarazioni personali“, afferma Nelson George, giornalista musicale, autore e critico culturale che ha intervistato Gaye negli anni ’70. In quegli anni, la Motown Records era nota per la sua “superba linea di produzione“, che includeva la band in studio, The Funk Brothers, afferma George. La casa discografica mirava a fare musica pop che catturasse “il suono della giovane America“.

Quel tipo di lavoro politico, sociale e personale non era una firma dell’azienda“, dice George. Durante una tappa del tour a Berkeley, in California, Renaldo “Obie” Benson, gigante della Motown e membro dei Four Tops, fu ispirato a scrivere What’s Going On dopo aver assistito a una colluttazione tra polizia e manifestanti in una protesta contro la guerra del Vietnam.

Quando Benson gli portò la canzone, il cantautore si dimostrò riluttante a registrarla. A quel punto della sua carriera, Gaye era famoso per i suoi duetti pop e per le ballate d’amore, come Ain’t No Mountain High Enough con Tammi Terrell e I Heard It Through the Grapevine. Gaye pensava che la canzone fosse più adatta per una band chiamata The Originals, ma accettò di registrarla lui stesso dopo che Benson gli permise di riscriverne alcune parti. Uno dei cambiamenti più importanti fatti da Gaye è stato nella versione finale della canzone: non c’era alcun punto interrogativo nel titolo.

La canzone illustra le sfide nella società durante gli anni ’60 – “spiritualità, fratellanza, unità dell’uomo” – e parla di ciò che Gaye pensa siano soluzioni, come spiega George. “Non era una domanda. In un certo senso era un’affermazione e il disco stesso cerca di fornire effettivamente delle risposte “, dice. “Quindi non penso che si abbia bisogno di un punto interrogativo per questo. Era una dichiarazione e qui ci sono alcune delle risposte“. What’s Going On è stato utilizzato in tutto il mondo nelle manifestazioni contro i regimi totalitari, come appello alla pace in Medio Oriente e durante le recenti proteste di Black Lives Matter.

L’artista ha catturato un “senso di confusione e tristezza”

La seconda canzone dell’album, What’s Happening Brother, è stata scritta per il fratello dell’artista, Frankie, che era appena tornato dal Vietnam e lottava per trovare un lavoro. Nel 1971, il popolo americano stava imparando attraverso i Pentagon Papers come il governo degli Stati Uniti aveva sostanzialmente mentito sulla guerra del Vietnam. Questa canzone parlava esattamente al sentimento di centinaia di migliaia di americani colpiti dai propri cari in servizio nella guerra.

Il video di What’s Happening Brother:

George afferma che – quando ascolta questa canzone – non la sente solo, la vede. Da bambino cresciuto a New York City, egli ricorda tutti uomini di ritorno dalla guerra che indossavano giacche dell’esercito. Dice che What’s Happening Brother riflette il “senso di confusione e tristezza” che molti veterani del Vietnam provarono quando fecero ritorno a casa: “Quindi [c’era] quel senso di sfollamento, disillusione, la sensazione di essere usati dal governo come carne da cannone“. Mercy Mercy Me (The Ecology), un’altra canzone molto famosa dell’album, è un diretto racconto su come influenziamo il nostro ambiente. Il video di Mercy Mercy Me:

La canzone è arrivata al numero 4 nella classifica dei singoli pop di Billboard e anche una rara apparizione per Gaye nelle classifiche contemporanee per adulti. Il suono di quella canzone ha una “dimensione spirituale intrinseca” che abbraccia molte tradizioni delle chiese europee e nere, dice George. Anche le percussioni di questa canzone – e l’album nel suo insieme – giocano un ruolo enorme nel modo in cui scorre il disco. “Quindi, sovrapponendo organicamente così tanti diversi tipi di musica, crei un ambiente che è molto caratteristico“, afferma. “Questo album ha davvero cambiato la carriera di Marvin”.

What’s Going On, la tracklist dell’album

Di seguito, ecco le canzoni che ritroviamo all’interno dell’album What’s Going On di Marvin Gaye:

  1. What’s Going On
  2. What’s Happening Brother
  3. Flyin’ High (In The Friendly Sky)
  4. Save The Children
  5. God Is Love
  6. Mercy Mercy Me (The Ecology)
  7. Right On
  8. Wholy Holy
  9. Inner City Blues (Make Me Wanna Holler)

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/MarvinGaye

TAG:
Marvin Gaye strillo

ultimo aggiornamento: 21-05-2021


Donna sulla luna è il nuovo album di Baby K

Eurovision 2021, la seconda semifinale: cosa è successo e chi è stato eliminato