Il 16 dicembre 2020 si festeggia il 250esimo anniversario della nascita di Ludwig van Beethoven, compositore e pianista tedesco.

Il 16 dicembre 2020 si festeggia il 250esimo anniversario della nascita di Ludwig van Beethoven. Si celebra un compositore straordinario, la cui musica rivoluzionaria continua a ispirare e influenzare le persone. Nato il 16 dicembre 1770 e deceduto il 26 marzo 1827, Beethoven è stato un compositore e pianista tedesco. Fu una figura cruciale nella transizione tra l’era classica e quella romantica nella musica classica ed è considerato uno dei più grandi compositori di tutti i tempi.

Beethoven 250 anni: un anniversario da ricordare

Sono passati 250 anni dalla nascita di Ludwig van Beethoven. E, il 2020, è l’anno in cui dovrebbero essere messe in atto le celebrazioni per ricordare questo grande compositore tedesco. Utilizziamo il condizionale, poiché c’è ancora molta incertezza legata al COVID-19.

Ludwig van Beethoven
FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/photos/strada-arte-beethoven-graffiti-2653840/

Beethoven rimane uno dei compositori più amati al mondo, esaltato per la sua genialità, complessità musicale e personale, nonché per la determinazione messa in atto per superare le sfide, inclusa la sordità totale. È stato votato come il compositore più popolare d’Australia nel sondaggio Top 100 Composers di Classic FM nel 2019, superando Jonatan Sebastian Bach.

Il video della 9 Sinfonia:

Beethoven era sordo?

Nato nel dicembre del 1770 a Bonn, Ludwig van Beethoven diventerà uno dei compositori più influenti, scrivendo dozzine di sinfonie, concerti, sonate per pianoforte e quartetti d’archi. Partiamo da una curiosità che tutti si chiedono: Beethoven era sordo? Formatosi come pianista per gran parte della sua giovinezza, il compositore perse effettivamente lentamente l’udito nel corso degli anni. Nonostante abbia perso il suo senso più prezioso da musicista, Ludwig compose alcune delle sue opere più importanti, anche se il suo udito si deteriorava inesorabilmente.

Non sappiamo davvero perché sia ​​diventato sordo. Il compositore iniziò a perdere l’udito quando aveva 26 anni e nell’ultimo decennio della sua vita era completamente sparito. Le cause più probabili della perdita di tale senso potrebbero essere malattie avute nella sua prima infanzia come il tifo o il vaiolo.

Di seguito la Sinfonia 5 di Beethoven:

Beethoven: la morte e alcune curiosità

– Era il terzo Ludwig van Beethoven nella sua famiglia. Quella famosa citazione attribuita al compositore: “Ci sono molti principi e ce ne saranno molti altri ancora, ma c’è solo un solo Beethoven“, non è esattamente vera.
Il primo Ludwig era il nonno del compositore, musicista a Bonn e il secondo era il fratello maggiore del compositore, che morì pochi giorni dopo la sua nascita.

– Ha studiato con l’insegnante di Mozart, Franz Joseph Haydn.
Dopo essersi trasferito a Vienna poco più che ventenne, il musicista iniziò a prendere lezioni da Haydn, spesso chiamato il padre della sinfonia. Sebbene Haydn e il musicista tedesco si scontrassero e discutessero spesso, Ludwig dedicò comunque le sue Sonate per pianoforte, op. 2 al suo insegnante.

– Fu sfortunato in amore. Il musicista si innamorò per la prima volta di una giovane contessa di nome Julie (“Giulietta”) Guicciardi nel 1801, ma non poté sposarla perché era un cittadino comune. A lei è dedicata la sua famosa Sonata per pianoforte n. 14, Moonlight.

– Pochi anni dopo incontrò e si innamorò di Josephine Brunswick, un’altra contessa, quando iniziò a darle lezioni di pianoforte nel 1799. Si scrissero una serie di lettere d’amore, delle quali 15 di Beethoven furono ritrovate, fino a quando la sua famiglia non le fece pressioni per interrompere il rapporto epistolare.

– Beethoven è morto il 26 marzo 1827 all’età di 56 anni. Le cause sono da rintracciare in una polmonite, ma anche alla cirrosi epatica e ad altri problemi come itterizia e ipertesione portale.

FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/photos/strada-arte-beethoven-graffiti-2653840/

TAG:
beethoven strillo

ultimo aggiornamento: 16-12-2020


Pericolo per Ozzy Osbourne: la moglie Sharon è positiva al Covid

Sanremo 2021, Morgan escluso per scelta artistica: “Ecco il pacco di Natale”