Tornano alla ribalta i Seventies e gli Eighties, tra moda, musica e televisione.

Sarà l’estate, sarà il caldo, sarà quello che volete, ma sta di fatto che dopo vari decenni durante i quali gli anni ‘80 erano considerati come il periodo del troppo che stroppia, adesso sono tornati prepotentemente alla ribalta grazie alla volontà di riscatto e spensieratezza dopo la lunga crisi economica (come fu all’epoca dopo gli anni di piombo e l’austerity degli anni ‘70). Come è giusto che sia, gli insegnamenti di quel decennio sono stati mitigati dal tempo che è passato, per cui in questo momento assistiamo ad una rivisitazione dei tormentoni di quegli anni in chiave più sobria.

Musica

Il mondo musicale, come un po’ tutti i settori della nostra vita quotidiana, sono stati un po’ stravolti dalle tecnologie digitali tanto che, per vari anni, si era pensato ad una profonda crisi (quasi irreversibile) dei settori tradizionali dell’intrattenimento. Già l’avvento delle musicassette e dei CD (o Compact Disk) aveva fatto spostare in soffitta i vecchi, ingombranti e delicati dischi in vinile con i relativi impianti (tanto che nei primi anni ‘90 un po’ in tutto il mondo si fermò totalmente la produzione di questo genere di supporti audio).

giradischi
Fonte foto https://www.pexels.com/it-it/foto/audio-disco-lettore-musicale-musica-164853/

Poi la rivoluzione digitale mise tutto nuovamente a soqquadro, mandando in soffitta anche i ben più recenti CD (pensate che i vinili vennero introdotti alla fine della Seconda Guerra Mondiale, mentre i compact disk solo negli anni ‘90).

Dalla metà dei primi anni Duemila si è assistito ad un lento ritorno nei negozi di musica dei 45 e dei 33 giri, che si andavano posizionando come prodotto di nicchia. Si era visto, infatti, che solo questi supporti tra tutti quelli in circolazione garantivano la migliore qualità del suono, per cui chi li aveva ancora iniziò a tirarli fuori dalle soffitte e a cercare di riassemblare i vecchi giradischi cercando magari, per quanto possibile, di aumentare la collezione grazie alle nuove ristampe

Nell’ultima decina d’anni la situazione si è ulteriormente modificata perché non solo le case discografiche stanno producendo di nuovo le vecchie glorie, gli artisti stanno iniziando ad incidere nuove opere anche in vinile e stanno uscendo sul mercato nuovi impianti stereo ad hoc che permettono di ascoltare i dischi con la praticità della tecnologia moderna.

Se fino a una ventina d’anni fa ascoltare la musica in LP vi faceva passare non tanto da intenditori, quanto da antichi, oggi è vero esattamente il contrario, grazie anche alla facilità (tanto di costo quanto di utilizzo) con cui si può accedere ai moderni giradischi. In più, se prima per trovare quella canzone o quell’album che tanto vi piaceva dovevate fare il giro di tutti i negozi di musica (sempre meno frequenti nelle nostre città) o sbirciare timidamente tra i banchetti dei mercatini delle pulci, grazie a internet è possibile accedere ad un catalogo online potenzialmente infinito che vi permette non solo di rimanere aggiornati sulle ultime novità dei vostri artisti preferiti, ma di acquistarne le copie al migliore prezzo di mercato.

Moda e televisione

Pensare agli anni ‘80 fa venire subito in mente spallini (anzi, spalloni!) esagerati, maxi cinture, capigliature voluminose e make up vistosi, ma anche profonde sgambature e sinuose silhouette. Vi ricordate la splendida e prosperosa Pamela Anderson in Baywatch (popolare serie tv di quegli anni) o le mitiche commedie sexy italiane con Lino Banfi e Edvige Fenech? Ecco quello che intendo.

Se a riosservare le vecchie foto e le vecchie pellicole salta subito all’occhio come dal punto di vista stilistico a capi e accessori importanti in genere si accostassero altri capi e accessori altrettanto vistosi, oggi si tende a non esagerare più così tanto. Un esempio su tutti: la maxi cintura o la maxi fibbia (possibilmente metallizzate) sono uno dei classici anni ‘80, ma invece di abbinarle ad abiti molto colorati e dalle linee complicate, optate per disegni semplici e toni tinta unita. In questa maniera, grazie alla cinta che risalterà sul resto del vostro abbigliamento, sarete in grado di far focalizzare l’attenzione di chi vi guarda direttamente sul punto vita.

TAG:
cd LP news vinili

ultimo aggiornamento: 24-07-2019


Fuori il nuovo singolo di Taylor Swift: ecco la malinconica The Archer

Steve di Stranger Things si dà alla musica