Qual è il significato di In the End dei Linkin Park? La domanda ha molteplici risposte che cercano di spiegare l’inno del gruppo di Chester Bennington.

In The End dei Linkin Park è un brano molto filosofico nel suo approccio. E ci sono due scuole di pensiero popolari riguardo al suo significato. La prima si basa sull’infanzia del cantante, Chester Bennington Più specificamente, viene trasmesso dalla prospettiva di qualcuno che è vittima di bullismo, quindi il riferimento all’essere “deriso” nel secondo verso.

La seconda, invece, forse più popolare, è che In the End è incentrata su una storia d’amore tormentata o, meglio, il cantante sarebbe impegnato nella ricerca di un certo tipo di donna. Alla fine, si rende conto che non sta facendo alcun progresso e sta dedicando tempo prezioso a uno sforzo sprecato.

Questa canzone è stata rilasciata dalla Warner Bros. il 9 ottobre 2001. Fu il quarto singolo uscito dall’album di debutto dei Linkin Park, intitolato Hybrid Theory. Questo album è risultato essere il disco più venduto dell’anno, soprattutto grazie a questo brano.

Linkin Park, il significato di In the End

Per In The End dei Linkin Park, si possono elaborare molteplici interpretazioni, in quanto il testo del brano è molto ambiguo. In effetti, può indicare qualcosa di terribile in riferimento al fatto che il sentimento dominante è quello della determinazione.

Linkin Park
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/linkinpark

In altre parole, il cantante ha lavorato duramente per un obiettivo specifico, che si tratti di ottenere una donna o di fare pace con i suoi nemici. E ha fatto progressi percettibili. Ma nonostante questo, “alla fine non importa nemmeno“.

Il video di In the End:

Questo è un altro modo per dire che, nel grande schema delle cose, non ha realizzato nulla. Anzi, continua, insinuando che – alla fine – se riesce o fallisce, è irrilevante. Detto questo, c’è sicuramente un elemento sociale in questa canzone. Quindi, quando fa questa affermazione, lo fa nel contesto di una relazione reale in cui è impegnato.

La natura di questa associazione non è specificata. E, alla fine, non ha nemmeno importanza, perché il punto che cerca di esporre è che i suoi tentativi di far funzionare questa relazione sono falliti. E l’implicazione subliminale riguarda il fatto che ciò sia dovuto a difetti di personalità che l’altra persona (cioè il destinatario) possiede.

In the End, il video e l’accoglienza critica

Il video musicale di In the End, che faceva molto affidamento sugli effetti speciali della CGI, è stato diretto dal DJ dei Linkin Park, Joe Hahn, insieme a Nathan Cox. È stato filmato parzialmente durante il tour Ozzfest del 2001, di cui la band faceva parte. In termini di accoglienza critica, questa è una delle canzoni più celebri dei Linkin Park.

In the End è entrata in classifica in quasi 20 paesi e ha raggiunto la vetta delle classifiche in Brasile, Polonia, nelle classifiche Billboard, in quelle Mainstream Top 40 e Alternative Songs. Inoltre In the End è stato certificato multiplatino in Italia e negli Stati Uniti.

Anche Mike Shinoda, membro della band che, insieme agli altri componenti ha scritto il brano, ha dato una spiegazione del testo. “C’è una strana battaglia con la disperazione e la natura effimera del tempo e delle nostre vite di cui parla la canzone“, ha detto. “E la cosa strana della canzone è che parla di queste cose, dicendo: ‘Non ho risposte.’ ‘Perché di solito una canzone non significa non avere risposte, giusto?” E aggiunge: “Non sapevamo cosa pensare delle cose e, in un certo senso, è ancora quello che succede oggi. È una sensazione senza tempo e universale“.

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/linkinpark

TAG:
Linkin Park Rock

ultimo aggiornamento: 26-11-2020


Tina Turner, le migliori canzoni della superstar americana

Slitta la prima puntata dello show di Massimo Ranieri: “Sono devastato per Maradona”