Massimo Ranieri, slitta la prima puntata di Qui e adesso: il cantante ha scelto di posticipare per la morte di Diego Armando Maradona.

Massimo Ranieri si fa da parte. E non potrebbe essere altrimenti, per un grande artista di Napoli, che in questo momento ha scelto di rispettare il dolore della sua città, il suo dolore, per permettere a Rai 3 di fare spazio a un documentario su Diego Armando Maradona, scomparso improvvisamente a 60 anni il 25 novembre. Lo ha annunciato lo stesso cantante in una conferenza stampa per presentare il suo nuovo show, Qui e adesso.

Massimo Ranieri: slitta la prima puntata dello show Qui e adesso

Non sarà il 26 novembre il debutto di Qui e adesso, il nuovo spettacolo organizzato da Massimo Ranieri, uno show ricco di ospiti e amici. Lo ha confermato in conferenza stampa lo stesso cantante partenopeo, come riferito da Rockol: “Sono devastato da questa notizia. Cercate di capirmi, sono distrutto dal dolore“.

Massimo Ranieri
Massimo Ranieri

Lo showman ha quindi proseguito raccontando il suo dolore per la notizia della scomparsa del Diez: “Ero a teatro quando mi hanno avvisato e mi ha letteralmente segato le gambe. Speravo fosse una fake news. Ora sto pagando lo sforzo fatto ieri di portare a termine la registrazione della terza puntata. Devo tornare a teatro e lo faccio con la morte nel cuore“.

Massimo Ranieri posticipa il suo show per Maradona

Il 27 novembre il cantante tornerà anche in edicola una collezione di tutti i suoi migliori album. Proprio alla vigilia di questa uscita avrebbe dovuto fare il suo debutto lo show televisivo Qui e adesso, di cui Ranieri ha già registrato al Teatro Sistina di Roma le prime puntate.

Ma la morte di Maradona ha obbligato Rai 3 a rivedere le priorità, e così il 26 andrà in onda il documentario Diego Maradona di Asif Kapadia. Conclude il cantante: “È giusto che sia così, bisogna dare spazio a questo genio e campione. Adesso abbiate pietà di me e scusatemi tanto“. Di seguito il post di saluto di Massimo a Diego:

TAG:
massimo ranieri strillo

ultimo aggiornamento: 26-11-2020


La storia di In the End, l’inno più famoso dei Linkin Park

Yesterday: tutti i segreti sulla canzone simbolo dei Beatles