Liberato presenta il film Ultras su Netflix e parla per la prima volta ai fan tramite i social: ecco il messaggio dell’artista senza identità.

Liberato parla per la prima volta ai propri fan. Nel pieno dell’emergenza Coronavirus, e non poteva scegliere momento migliore, il rapper dall’identità segreta ha approfittato di un post promozionale riguardante l’uscita su Netflix del film Ultras, da lui musicato, per mandare un lungo messaggio ai suoi sostenitori.

Ecco le parole dell’artista napoletano, che ha utilizzato la sua lingua per comunicare con i fan e invitarli a rimanere a casa.

Liberato parla per la prima volta ai fan: il suo messaggio sui social

Era da diverso tempo che ci si chiedeva quando Liberato avrebbe fatto sentire la sua voce e per la prima volta, nel pieno dell’emergenza Coronavirus, ha voluto farlo.

Ovviamente, s’intende in maniera metaforica, attraverso un messaggio per iscritto sui social. Una lettera aperta rigorosamente in napoletano:

Ragazzi, io non parlo mai, voi lo sapete. Sto sempre zitto, posto e basta. Staimo passando tutti quanti un momento di mer*a, chiusi qua dentro, con la smania per tutto il giorno. Sto impazzendo, davvero. Non so più che devo fare. Però una cosa la so: Napoli non muore mai. State a casa. Ma vi pare che ve lo deve dire uno scemo con una bandana sul volto?“.

Liberato
FONTE FOTO: facebook.com/musiquebuffet

Liberato promuove il film Ultras

Il messaggio dell’artista prosegue con la promozione del film Ultras di Francesco Lettieri, per il quale lui ha curato le musiche, tra cui il brano We Come from Napoli. La pellicola è disponibile su Netflix.

Era meglio se lo facevano al cinema, ma se mio nonno aveva tre palle ecc. ecc.“, ha aggiunto il rapper, “ora noi possiamo fare questo (questo, più mostrare un po’ d’amore ai team medici e a chi si sta facendo un mazzo tanto negli ospedali). Vi voglio bene, buona visione“.

Di seguito il suo lungo post:

FONTE FOTO: facebook.com/musiquebuffet

TAG:
liberato news

ultimo aggiornamento: 20-03-2020


Liam Gallagher al fratello Noel: “Riuniamo gli Oasis per un evento di beneficenza”

Amazon dà priorità ai beni di prima necessità: rallentano le consegne di CD e vinili