Kendrick Lamar, Mr. Morale & the Big Steppers: la data di uscita e la tracklist del nuovo album del rapper americano.

C’è un nuovo album all’orizzonte nella carriera di Kendrick Lamar. Il 2022 finalmente regalerà ai fan del rapper nuova musica. Lo ha annunciato lo stesso artista con un post sul suo sito ufficiale e poi un tweet. Il nuovo disco s’intitola Mr. Morale & the Big Steppers ed è in arrivo tra poche settimane, a distanza di cinque anni dal celeberrimo Damn, il disco che è valso a Lamar la vittoria del prestigioso premio Pulitzer del 2017. Scopriamo insieme tutti i dettagli su questo nuovo album.

Kendrick Lamar: Mr. Morale & the Big Steppers è il nuovo album

Erano cinque anni che Kendrick non pubblicava un album. Anche se, va detto, in questo periodo non è mai stato con le mani in mano. Dopo aver lanciato Damn, il rapper aveva infatti curato e diretto la colonna sonora del film Black Panther del Marvel Cinematic Universe, aveva suonato al Coachella e aveva messo insieme numerosi premi, dai Grammy alle nomination agli Oscar.

Kendrick Lamar
Kendrick Lamar

Il nuovo album, Mr. Morale & the Big Steppers, sarà pubblicato il 13 maggio. Non sono stati invece ancora diffusi, in un post pubblicato sul sito, dettagli sulla tracklist e sui possibili featuring presenti all’interno di questo disco molto atteso. Un album che avrà molta importanza nel suo percorso: sarà l’ultimo con la sua storica etichetta TDE, la stessa di album acclamati come To Pimp a Butterfly.

Kendrick Lamar in Italia

Kendrick era tornato a farsi sentire già negli ultimi anni, cantando in canzoni di Busta Rhymes o Baby Keem. Nel 2020 avrebbe dovuto essere protagonista a Glastonbury, ma il suo ritorno in Europa è slittato fino a questo 2022. Lo vedremo tra l’altro in estate, il 23 giugno, anche in Italia, a Milano, all’Ippodromo Snai San Siro.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

strillo

ultimo aggiornamento: 19-04-2022


Blanco sempre più virale: dalla caduta sul palco al live in Vaticano

Il significato di L’eccezione, la canzone di Madame sul crescere troppo presto