Kanye West orina su un Grammy: il video provocatorio del rapper americano, pronto a rompere i propri contratti con le major.

Kanye West ha fatto pipì su un Grammy Award! Continua la battaglia personale a colpi di tweet e provocazioni da parte del rapper americano con l’intera industria americana. Dopo essersi dichiarato “il nuovo Mosè” e aver annunciato la volontà di svincolarsi dalla Universal e dalla Sony, l’artista ha attaccato duramente l’intera industria musicale, mostrando un video in cui, simbolicamente, orina sopra uno dei premi vinti nella sua carriera.

Kanye West: pipì su un Grammy

Il 16 settembre, dopo essersi lasciato andare a una lunga fila di tweet sull’importanza di semplificare i contratti e di renderli trasparenti per ‘liberare’ i musicisti dalle catene schiaviste dell’industria, l’artista si è lasciato andare a un gesto molto simbolico. “Fidatevi di me… Non mi fermerò“, ha scritto Kanye, prima di pubblicare questo video:

Kanye West contro l’industria musicale

I contratti, in tutti i settori, devono essere semplificati, adesso. I contratti complicati sono il modo con cui le imprese, le società musicali e gli sport traggono vantaggio dai talenti. Esporremo questi contratti e li renderemo trasparenti, ora. Supportiamo nuovi talenti, start up e modifichiamo tutti i vecchi contratti”, ha affermato il rapper su Twitter. Un attacco alla società ma specialmente all’industria musicale.

Kanye West
Kanye West

Per dare forza alle proprie parole, Kanye ha quindi pubblicato una foto di Prince con questa scritta: “Facciamo le cose in grande, fratello. Tu e Michael Jackson siete morti così, noi possiamo vivere“. Secondo West le due superstar della musica mondiale furono infatti uccise dall’industria musicale e dai media: “Eravamo soliti insultare Michael, i media ci avevano portato a chiamarlo pazzo. Poi lo hanno ucciso“.

TAG:
Kanye West

ultimo aggiornamento: 17-09-2020


Elettra Lamborghini, tutti i dettagli sul matrimonio: tre abiti e 100 invitati

Lady Gaga torna a parlare della depressione: “Non volevo più essere me stessa”