GoGoBus: i concerti più vicini con lo sharing

Il concerto della vostra band preferita è dall’altra parte dell’Italia? Potete sempre raggiungerlo con il bus sharing di GoGoBus

Finalmente il vostro cantante preferito – o la band che seguite da sempre – sta per tornare a calcare i palcoscenici e il momento tanto atteso è arrivato: sono state pubblicate le date ufficiali del tour. Ed è proprio nell’istante in cui vedete che la tappa più vicina a casa vostra dista in realtà chilometri di distanza che vi fate prendere dallo sconforto più nero. Ma non disperate, perché è arrivata una soluzione che potrebbe risolvere il problemi di moltissimi fans, finora costretti a trasferte fantoziane: GoGoBus.

GoGoBus è una startup giovanissima, arrivata in Italia nel 2015 e che rappresenta il primo servizio europeo di bus Sharing. In altre parole: la famosa BlaBlaCar, ma in formato bus! Si può così viaggiare con gli amici in pullman e, ovviamente, risparmiare! Il funzionamento è piuttosto semplice: con GoGoBus è possibile proporre qualsiasi viaggio che viene confermato aggregando vari gruppi di persone interessate a raggiungere una meta comune. A essere un fan non si è mai realmente da soli. Non c’è nemmeno il rischio di trovarsi su un pullman deserto: i viaggi infatti sono confermati al raggiungimento di una quota minima di 19 persone e si ottiene uno sconto automatico per ogni gruppo (in realtà già da 2 persone).

GoGoBus: ma funziona davvero?

I dati sembrerebbero proprio dire di sì: sono già 5mila, infatti, gli utenti che fino ad oggi hanno deciso di avvalersi di questo servizio collettivo e 28mila le richieste effettuate. Infine, con GoGoBus sono “tutelati” anche i fans di nicchia: oltre ai concerti già presenti nel portale, volendo si può proporre una cordata per un cantante o per una band che non hanno ancora pubblicato un calendario ufficiale. Insomma, la musica live da oggi di vive in un nuovo modo: sharing is the way!

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 27-05-2016

Stefano Comella