In memoria di Giuni Russo, la voce dell’estate italiana

Il 7 settembre avrebbe festeggiato il suo compleanno l’indimenticabile Giuni Russo, la cantante di Alghero e Un’estate al mare. Ecco le sue migliori canzoni.

Nata il 7 settembre del 1951, Giuseppa Romeo, meglio nota come Giuni Russo, è stata una delle prime voci dell’estate italiana. Nel corso della sua carriera Giuni ha prodotto dei veri e propri tormentoni (uno su tutti Un’estate al mare), canzoni che hanno resistito al trascorrere del tempo e che ancora oggi, a distanza di anni, fanno cantare e divertire.

Le cinque migliori canzoni di Giuni Russo

Giuni Russo, Alghero

Alghero rappresenta la svolta nella carriera Giuni Russo: si tratta infatti della canzone che aprirà alla cantante le porte del successo grazie a un ritmo travolgente e un testo spensierato. Ciliegina sulla torta il ritornello incisivo e indimenticabile

Di seguito il video di Alghero:

Giuni Russo, Un’estate al mare

Se Alghero è la canzone che lancia Giuni Russo, Un’estate al mare è quella della definitiva consacrazione, è il brano che ha scritto il nome della cantante nella storia della musica italiana. Un vero e proprio tormentone che ha resistito all’inesorabile scorrere del tempo continuando a far cantare anche le nuove generazioni.

Di seguito il video di Un’estate al mare

Giuni Russo, Mediterranea

Con Mediterranea Giuni lascia la via della musica per l’estate e si lancia in un genere sperimentale, coraggioso per gli anni e per i gusti del pubblico italiano, abituato a una musica più leggera e che nella Russo cercava inizialmente solo le emozioni legate alle vacanze. Brava lei a togliersi di dosso l’etichetta di cantante stagionale.

Di seguito il video di Mediterranea:

Giuni Russo, Morirò d’amore

Con Morirò d’Amore Giuni porta avanti il suo progetto sperimentale che ha il coraggio di portare sul palco dell’Ariston in occasione del Festival di Sanremo. È un brano che fonde la musica leggera, quella elettronica e quella lirica. L’effetto generale è travolgente soprattutto grazie alla voce stupenda della cantante.

Di seguito il video di Morirò d’amore:

Giuni Russo, La sua figura

La sua figura è una delle canzoni più significative della cantante, una sorte di testamento di Giuni, alle prese con il tumore che l’avrebbe portata alla morte lasciando un vuoto incolmabile nel mondo della musica.

Di seguito il video de La sua figura:

La vita privata di Giuni Russo

Giuni Russo, figlia di un baritono e di un soprano, cresce con la passione per la musica e riesce a trasformarla nel suo lavoro. Della vita privata della cantante si sa poco. Era molto legata a Maria Antonietta Sisini, collega cantautrice e collaboratrice della Russo. Proprio Antonietta Sisini avrebbe assistito Giuni Russo negli ultimi giorni della sua vita. Del resto purtroppo non si hanno informazioni certe.

La cantante si è spenta il 14 settembre del 2004. La causa della morte di Giuni Russo è un cancro con il quale la cantante ha combattuto per anni, prima in silenzio, poi, quando le sue condizioni di salute erano visibilmente compromesse, con il sorriso sulle labbra e sempre con il microfono in mano. Fino a quando ha potuto lasciare un segno.

Fonte foto copertina: https://www.facebook.com/GiuniRusso.Official/

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 06-09-2018

Nicolò Olia