Francesco Guccini, Canzoni da intorto: il nuovo album del cantautore emiliano, a distanza di dieci anni dall’ultimo disco.

Francesco Guccini torna a cantare. Uno slogan ripetuto in più salse da una serie di post sui social e dalla stessa bio Instagram dell’account ufficiale dedicato al grandissimo cantautore di Pavana. Classe 1940, il Maestrone negli ultimi anni aveva più volte assicurato nel corso di interviste varie di non essere più interessato alla musica e di non voler più incidere alcun disco, pur non chiudendo le porte alla scrittura, altra sua grande passione. Qualcosa dev’essere cambiato in questi ultimi tempi, e così a sorpresa è arrivato l’annuncio più atteso: sta per arrivare il nuovo album Canzoni da intorto.

Francesco Guccini: il nuovo album è Canzoni da intorto

Titolo emblematico quello scelto da Guccini, che utilizza nell’occasione un termine gergale che vuol dire “imbonire, circuire qualcuno“. La locuzione in particolare fu utilizzata da sua moglie durante un pranzo con i discografici, e piacque così tanto da diventare il titolo dell’album. Un biglietto da visita per un album pieno di canzoni musicalmente ricco e complesso. Spiega lo stesso artista in conferenza stampa: “Sono canzoni di lavoro, politiche, di protesta, il cui carattere è definito, oltre che dall’interpretazione vocale, dalla giustapposizione di strumenti come le chitarre manouche e la ghironda, dai fiati alle fisarmoniche ecc.“.

Francesco Guccini
Francesco Guccini

L’album è stato pubblicato solo in formato fisico, sia in CD che vinile, il 18 novembre. Di seguito il post con la copertina:

Questa la tracklist con le canzoni, tra cui spicca la chiusa, affidata a un brano firmato da Enzo Jannacci:

1 – Morti di Reggio Emilia
2 – El me gatt
3 – Barun Litrun
4 – Ma Mi
5 – Tera e aqua
6 – Le nostre domande
7 – Nel fosco fin dal secolo
8 – Green Sleeves
9 – Quella cosa in Lombardia
10 – Addio a Lugano
11 – Sei minuti all’alba

Il nuovo album di Francesco Guccini

Canzoni da intorto è il venticinquesimo album di inediti nella carriera di uno dei più grandi cantautori della nostra storia. L’ultima volta che avevamo potuto ascoltare la sua musica era stato in occasione della doppia raccolta Note di viaggio, un tributo discografico alle sue più grandi canzoni interpretate da amici e discepoli del calibro di Elisa, Ligabue, Carmen Consoli, Giuliano Sangiorgi, Brunori Sas, Samuele Bersani, Manuel Agnelli, Zucchero, Emma, Gianna Nannini, Mahmood e molti altri, arricchita peraltro da due inediti interpretati dallo stesso Maestrone.

Leggi anche -> Francesco Guccini, un poeta prestato alla musica

Per quanto riguarda album veri e propri, scritti, composti e interpretati dal cantautore classe 1940, l’ultima volta era stata nel 2012, quando aveva dato alle stampe il celebre e celebrato L’ultima Thule. Di seguito la title track:

Riproduzione riservata © 2022 - NM

strillo

ultimo aggiornamento: 18-11-2022


Zucchero annuncia due concerti a Reggio Emilia nel 2023

Fabrizio Moro riparte dal romanticismo di Senza di te, il suo nuovo singolo