Dopo la tragica scomparsa del batterista Taylor Hawkins, i Foo Fighters sono pronti a tornare a suonare.

Il 2022, probabilmente l’anno più brutto per tutti i fan dei Foo Fighters in oltre 27 anni di carriera, si è chiuso con una splendida notizia: la band ha annunciato che presto tornerà a suonare. Si tratta della prima apertura a un prosieguo di carriera dopo la tragica scomparsa di Taylor Hawkins, lo storico batterista del gruppo americano. Ad annunciarlo sono stati gli stessi musicisti attraverso un post pubblicato sui social: “Mentre diciamo addio al più difficile e tragico anno che la nostra band abbia mai conosciuto, ci viene in mente quanto siamo riconoscenti per le persone che abbiamo amato e amiamo di più e per le persone care che non sono più con noi“. Una riconoscenza che li spingerà a non fermarsi qui.

I Foo Fighters sono pronti a tornare a suonare

Il lungo messaggio, una riflessione intensa e delicata da parte di Dave Grohl e soci, prosegue parlando di quanto sia stata importante per loro la musica e, soprattutto, la comunità di fan che li ha sostenuti negli ultimi 27 anni, compreso il periodo durissimo della scomparsa di Taylor. Una comunità che si è formata attorno alla loro musica per rappresentare il potere curativo delle sette note, quel potere che insegna chiaramente come la vita prosegua.

Chitarra batteria e amplificatore
Chitarra batteria e amplificatore

Una comunità mondiale, formata da sostenitori affezionati che hanno aiutato la band ad attraversare tutti i momenti, quelli belle e quelli meno belli, e che con loro ha condiviso sia le gioie che il dolore, le speranze e le paure. Sarà proprio per loro che torneranno a suonare: “Senza Taylor, non saremmo mai diventati la band che siamo stati, e senza Taylor sappiamo che siamo destinati ad essere una band diversa d’ora in poi“.

Leggi anche
Chi era Taylor Hawkins, il batterista dei Foo Fighters che aveva suonato con Vasco Rossi

Nuova musica nel 2023?

Sarà difficile, sarà diverso, ma la band non ha intenzione di terminare qui, in maniera tragica e il proprio lungo percorso artistico. E lo spiega chiaramente in questo post: “Sappiamo che voi fan significavate molto per Taylor, tanto quanto lui per voi. E sappiamo che quando ci rivedremo, e lo faremo presto, lui sarà presente nello spirito con tutti noi ogni notte“.

Parole splendide da parte di Dave Grohl e dei restanti membri dei Foos, che hanno voglia ancora di continuare a esibirsi, anche in memoria del loro amico Taylor, scomparso il 25 marzo dello scorso anno in un hotel di Bogotà a soli 50 anni. Se questo ritorno avverrà nel 2023, per ora non è però stato stabilito.

Di seguito la lunga lettera condivisa su Twitter:

Riproduzione riservata © 2023 - NM

Rock strillo

ultimo aggiornamento: 02-01-2023


Le migliori canzoni di Giorgio Gaber

Queen, Brian May è stato nominato Sir da Re Carlo III: il commento del chitarrista