Ezio Bosso parla della sua vita e annuncia: “Ridurrò i concerti”

Una storia di straordinario talento e straordinaria forza, quella del Maestro Ezio Bosso, che annuncia le sue intenzioni per il 2017.

In un’intervista concessa a Repubblica, Ezio Bosso ha raccontato alcuni particolari che fanno capire tutta la sua passione viscerale per la musica: nonostante sia diventato uno dei musicisti contemporanei più influenti e più richiesti, Bosso, che nasce come direttore d’orchestra, afferma di svegliarsi ogni giorno alle 6.30. Studiare è la parola d’ordine, quando si ama la musica e si vuole farne il proprio mestiere: e lui, nonostante i ritmi della sua vita, segnata da una malattia atroce, continua a esercitarsi ogni giorno, per essere sempre migliore.

Una grande lezione di vita da parte di Bosso, che è diventato popolare soprattutto grazie alla partecipazione al Festival di Sanremo. Da allora, racconta, sono aumentate le richieste di concerti e di interviste, le sue parole hanno assunto un diverso peso.

Meno concerti

Nell’intervista, Ezio Bosso ha raccontato che nel 2017 dovrà ridurre i concerti. Continuerà a studiare sempre più, anche perché la sua malattia, la SLA, gli ha imposto esigenze e ritmi diversi rispetto a prima.

Il compositore torinese, 45 anni, nel 2011 si sottopose a un intervento per rimuovere un cancro al cervello. Quello è stato l’annus horribilis della sua esistenza: da quel momento, rimosso il cancro, è stato segnato dalla SLA.

Lui, però, sostiene di non essere malato, bensì di convivere con la sua malattia. Una malattia che lo ha fatto innamorare ancora di più della musica, a cui dedica tutto il suo tempo.

L’ultimo disco

Neanche un mese fa è uscito “And the Things that Remain”, un doppio CD più DVD che racchiudono un’antologia delle sue migliori composizioni e anche di brani di recente registrazione. Eccone la tracklist.

Il disco sta ottenendo un ottimo riscontro ed è nella top ten dei più venduti, nella sezione musica classica.

Bosso si esibirà il 14 gennaio 2017 al Teatro Comunale di Bolzano e il 24 gennaio al Teatro degli Arcimboldi di Milano.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 19-12-2016

Caterina Saracino