Diodato a Venezia 77: per la prima volta un cantante si esibisce nella cerimonia di chiusura della Mostra del Cinema che si tiene ogni anno nella Laguna.

C’è sempre una prima volta, anche per la Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, arrivata nel 2020 alla 77esima edizione. Stavolta è toccato a Diodato diventare parte integrante della storia di una delle kermesse più importanti del mondo. Il cantautore tarantino è stato infatti il primo cantante in assoluto a esibirsi nella serata conclusiva della Mostra, tenuta sabato 12 settembre.

Diodato a Venezia 77 per la cerimonia di chiusura

Di cantanti anche in questa edizione della Mostra ne sono sbarcati tantissimi al Lido: da Emma Marrone a Baby K, da Levante alla coppia d’oro Marracash ed Elodie. Nessuno di loro ha però avuto l’onore di entrare nella storia grazie a una esibizione nella cerimonia di chiusura. A riuscirci è stato il cantautore simbolo del 2020 italiano: Diodato. L’artista, vincitore di un Nastro d’argento, di un David di Donatello, del Festival di Sanremo e anche del premio Soundtrack Stars Award speciale Musica e Cinema ricevuto proprio a Venezia, si è esibito in una versione rivisitata della sua Adesso.

Diodato
Diodato, ph. Mattia Zoppellaro

Diodato: il video alla Mostra di Venezia

Accompagnato dal violino del grande Rodrigo D’Erasmo, il cantautore di origine tarantina si è esibito sul palco della Sala Grande del Palazzo del Cinema, strappando una standing ovation ed emozionando tutti i presenti. Il brano scelto per l’occasione, Adesso, era stato presentato dallo stesso artista sul palco del Festival di Sanremo nel 2018 insieme a Roy Paci. Si tratta di un brano che invita a riflettere sul presente e anche per questo risulta più attuale che mai in questo anno difficilissimo reso indimenticabile, ma non in positivo, per l’emergenza sanitaria derivante dalla pandemia da Coronavirus. Di seguito il video dell’esibizione di Diodato:

TAG:
Diodato strillo

ultimo aggiornamento: 14-09-2020


NM playlist: le canzoni della settimana

Rolling Stones al primo posto nel Regno Unito: nuovo record per la band inglese