David Bowie, The Man Who Sold the World: il terzo album del Duca Bianco, un disco rivoluzionario pubblicato nel novembre del 1970.

The Man Who Sold The World di David Bowie compie 50 anni a novembre e, per questo importante anniversario, l’album riceve una ristampa. In uscita il 6 novembre (due giorni dopo l’effettivo anniversario dell’album negli Stati Uniti), la ristampa si chiamerà Metrobolist che, in realtà, era il titolo originale dell’album.

Secondo il sito ufficiale di Bowie, “Il nome dell’album è stato cambiato all’ultimo minuto in The Man Who Sold The World“. La riedizione del 2020 dell’album – con il titolo Metrobolist – è stata remixata dal produttore originale Tony Visconti, con l’eccezione del brano After All che Tony considerava perfetto così com’è ed è presente nella sua versione remastered del 2015.

David Bowie, The Man Who Sold The World compie 50 anni

Questo fine settimana, si festeggiano i 50 anni dall’uscita di The Man Who Sold The World di David Bowie. The Man Who Sold the World è il terzo album in studio del Duca Bianco. Fu originariamente pubblicato da Mercury Records negli Stati Uniti, nel novembre 1970.

Sebbene l’LP non contenesse hit, è considerato l’inizio del periodo classico di Bowie, dal 1970 al 1973. Al momento della sua uscita, l’album fu acclamato dalla critica negli Stati Uniti ma non vendette bene, fino alla ristampa del 1972, dopo il successo di Ziggy Stardust. The Man Who Sold The World è stato citato come ispirazione goth rock da artisti come Siouxsie and the Banshees, The Cure, Gary Numan e Nine Inch Nails.

I Nirvana hanno realizzato un brano con il titolo dell’album di Bowie, presentandola durante uno speciale di MTV. Best Ever Albums considera The Man Who Sold The World come il 30 ° miglior LP del 1970 e il 205° degli anni ’70. Digital Dream Door classifica l’album alla posizione numero 76 nella sua Top 100 del 1970.

Il video di The Man Who Sold The World:

David Bowie, The Man Who Sold The World e Metropolis

The Man Who Sold the World, uscito in Nord America nel 1970 e nel resto del mondo nel 1971, era originariamente intitolato Metrobolist, un omaggio a Fritz Lang’s Metropolis. Il titolo è stato cambiato all’ultimo minuto: i master tape originali erano etichettati Metrobolist, titolo – poi – cancellato.

Per il 50° anniversario dell’album, la Parlophone Records sta ristampando l’album con il suo titolo originale Metrobolist ed è in uscita il 6 novembre 2020. Questa nuova edizione è stata remixata dal produttore dell’album, Tony Visconti, ad eccezione di After All che Visconti considerava perfetta così com’è (e sarà la stessa versione del remaster del 2015).

David Bowie, qualche informazione sulla ristampa di The Man Who Sold The World

L’artwork è stato progettato da Mike Weller, che realizzò il concept originale che Mercury Records ha trovato troppo controverso all’epoca. La nuova grafica è “molto più vicina al suo concetto originale“. Bowie ha detto nel 2000: “Mick Weller ha ideato questo tipo di cartone animato dall’aspetto molto sovversivo e ha inserito alcune cose abbastanza personalizzate”.

E aggiunse: “L’edificio sullo sfondo del cartone, in realtà, era l’ospedale in cui il mio fratellastro si era impegnato. Quindi per me, ha avuto molta risonanza personale al riguardo“. Il comunicato stampa rileva che la copertina apribile contiene anche molte immagini del famigerato servizio fotografico di Keith MacMillan Mr Fish all’Haddon Hall. Cosa che avrebbe causato così tante polemiche, quando uno degli scatti è stato utilizzato sulla copertina dell’album nel resto del mondo nella primavera del 1971.

La ristampa sarà realizzata su vinile nero da 180 grammi, ma c’è anche un’edizione limitata di copie numerate e manoscritte del 2020 su vinile bianco (n. 1 – 1970) e vinile oro (n. 1971 – 2020) che saranno “distribuite casualmente“.

David Bowie
David Bowie
TAG:
david bowie Rock strillo

ultimo aggiornamento: 04-11-2020


Vasco Rossi annuncia: “Ecco quando uscirà il mio nuovo singolo!”

X Factor 2020: ecco chi sostituirà Alessandro Cattelan nel secondo Live