In occasione del Festival del Cinema di Roma, sarà presentato Stardust, il biopic sulla vita di David Bowie, prima del successo planetario.

L’edizione 2020 del Festival del cinema di Roma proietterà il biopic sulla carriera di David Bowie. Il festival, in programma all’Auditorium Parco della Musica dal 15 al 25 ottobre, mostrerà Stardust, diretto da Gabriel Range con Johnny Flynn nel ruolo di Bowie.

La notizia è stata annunciata dal direttore artistico del festival, Antonio Monda, che – nella stessa occasione – sarà presentato anche un documentario sulla carriera dell’ex capitano dell’AS Roma e attaccante italiano, Francesco Totti. In programma, c’è anche un tributo a Ennio Morricone, compositore recentemente deceduto.

David Bowie, il biopic Stardust presentato al Festival del Cinema di Roma

Al Festival del Cinema di Roma, sarà presentato Stardust, biopic dedicato alla carriera di David Bowie. Ad interpretare l’artista da giovane, è il cantautore Johnny Flynn. Il regista Gabriel Range, ha dichiarato quanto segue in merito alla scelta del protagonista:

Per me era molto più importante trovare qualcuno che avesse carisma e talento musicale rispetto a qualcuno che avesse una somiglianza fisica con David“.

Il video di Starman:

David Bowie, un artista “misterioso ed enigmatico”

Il regista del biopic su David Bowie, Gabriel Range, ha dato anche qualche dettaglio sul momento storico in cui si svolge la storia e non solo, fornendo anche la propria visione del Duca Bianco.

All’epoca in cui si svolge la storia, David ha sedici singoli falliti alle spalle. C’è qualcosa di enormemente stimolante nell’andare avanti fino a trovare qualcosa di completamente originale nella musica, nell’esecuzione e nel personaggio. C’era qualcosa di così misterioso ed enigmatico in Bowie. La cosa straordinaria di David è stata proprio mostrare quante volte ci ha provato ed ha fallito, continuando con incredibile determinazione a proseguire.”

Pertanto, il cineasta si è focalizzato sul periodo antecedente il successo planetario di Bowie: “Volevo catturare quel momento di insicurezza prima della grande svolta, esplorando il giovane dietro l’icona. La performance di Johnny è la più bella lettera d’amore scritta da un musicista per un altro“.

David Bowie
David Bowie
TAG:
david bowie Rock

ultimo aggiornamento: 16-08-2020


5 canzoni per ripercorrere gli anni d’oro di Aretha Franklin

Discoteche chiuse, Gabry Ponte: “Giusto così, ce lo meritiamo!”