Jess Glynne, un successo dopo l’altro: sai come è iniziata la sua carriera?

La giovane Jess Glynne, capelli rossi e voce ormai inconfondibile, ha conquistato tutti con il singolo Rather Be: ma lo sai che…

chiudi

Video della settimana: Perché i Green Day si chiamano così?
Caricamento Player...

Jess Glynne, classe 1989, è una delle giovani cantanti più in vista degli ultimi anni. Ormai qualsiasi brano che ci propone diventa una hit in tutto il mondo. Il suo successo folgorante è arrivato con il featuring nel singolo firmato Clean Bandit Rather Be, che è stato un tormentone nel 2014 e che ha vinto il Grammy Award alla miglior registrazione dance nel 2015.

jess glynne

Cose da sapere su Jess Glynne

– Il nome completo della cantante è Jessica Hannah Glynne ed è nata in Inghilterra ad Hampstead, area benestante di Londra e pullulante di artisti.

– Come a volte capita ai cantanti, anche Jess è stata costretta a sospendere dei live per via di un polipo alle corde vocali. Dopo l’operazione, non ha potuto parlare per 3 settimane!

– Jess è molto attenta a come si veste e dichiara di ispirarsi molto allo stile della rapper M.I.A.. Sembra che i suoi stilisti del cuore siano Tom Ford e Stella McCartney.

– La sua carriera è iniziata con la frequentazione della Fortismere School. Qui ha conosciuto Jin Jin, una cantautrice inglese e nel 2010 ha firmato con l’etichetta Black Butter Records. Nel 2013 i Clean Bandit la chiamarono per cantare in Rather Be e da allora la vita di Jess è cambiata, fino al debutto con l’album I Cry When I Laugh.

– Ha scritto canzoni per Iggy Azalea, Rita Ora, Little Mix, Tinie Tempah, Rudimental.

– La cantante è stata protagonista di uno spot per Coca-Cola.

– Prima di diventare una cantante, Jess ha svolto vari lavori. Ha avuto un impiego come parrucchiera e un altro in un centro di fitness.

– Un suo singolo è stato scelto per una importante campagna sociale.

– Sulla bisessualità di Jess si è parlato spesso, ma lei ha dichiarato alla rivista Faboulous di non volere etichette:

“Per me non è nemmeno una cosa e non credo che sia un affare di stato. Alla gente non interessa sul serio e nemmeno a me. I miei amici e i miei parenti accettano tranquillamente il modo in cui gestisco i miei rapporti, per loro non vi è differenza.”