La playlist dei migliori brani da ascoltare per festeggiare l’Earth Day, il Giorno della Terra, che cade il 22 aprile.

L’attivismo ambientale è stato a lungo intrecciato con la musica e questo unico e particolare connubio lo si può celebrare in occasione dell’Earth Day, ossia il Giorno della Terra, per il quale possiamo prestare un orecchio agli artisti che hanno cantato le bellezze del nostro pianeta attraverso i loro testi. Da Bruce Springsteen ai Red Hot Chili Peppers, ecco canzoni da inserire nella nostra playlist per questa importante celebrazione.

Bruce Springsteen
Bruce Springsteen

Earth Day: le canzoni da inserire nella playlist per celebrare il Giorno della Terra

Iniziamo la nostra lista con This Land is Your Land di Bruce Springsteen. Nel suo album dal vivo, Springsteen introduce questa canzone di Woody Guthrie come “quasi una delle più belle canzoni mai scritte“. La sua interpretazione semplice ma appassionata fa sì che le persone e il paesaggio si sostengano a vicenda e incentivino l’inestimabile patrimonio che la musica e natura condividono.

Il video di This Land is Your Land:

Procediamo con Nothing but Flowers dei Talking Heads. Con le sue immagini stravaganti, legate a una natura serena, questa canzone inizialmente sembra essere un pio desiderio capovolgimento dello status quo dell’attuale società ma, a un ascolto più attento, non è un appello per smantellare la società e tornare alla semplicità delle nostre radici di cacciatori-raccoglitori.

Il video di Nothing but Flowers:

Il protagonista desidera avere un tosaerba per aiutare a gestire l’esuberanza vegetativa della natura. David Byrne ci ricorda che non possiamo semplicemente desiderare di tornare a un immaginato ed idilliaco Eden, ma dobbiamo, invece, trovare soluzioni che funzionino sia per le persone che per la natura.

Andiamo avanti con The Last Resort dei The Eagles. Una cronaca dell’insediamento del West americano e un tributo agrodolce al suo fascino aspro che attira continuamente nuove persone che inevitabilmente distruggono gli stessi valori – serenità, natura selvaggia incontaminata – che cercano. Un avvertimento che la bellezza descritta nelle due canzoni precedenti deve essere abbracciata con attenzione, per non strangolarla.

Il video di The Last Resort:

Society di Eddie Vedder e Road Trippin’ dei Red Hot Chili Peppers

C’è, poi, Society di Eddie Vedder. Dalla colonna sonora di Into The Wild, rappresenta un matrimonio quasi perfetto di parole, musica e voce. Vedder canalizza il protagonista del film attraverso un’accusa fulminante nei confronti di una cultura moderna ossessionata dal guadagno materiale a scapito delle relazioni reali.

Il video di Society:

Infine, citiamo Road Trippin dei Red Hot Chili Peppers. Il viaggio su strada di riferimento è a Big Sur, dove vien messa in atto una celebrazione della bellezza e del potere ristoratore della costa della California. Il video di Road Trippin’:

TAG:
strillo

ultimo aggiornamento: 22-04-2021


Fast Animals and Slow Kids, nuovo singolo con Willie Peyote: Cosa ci direbbe

La storia dei Kiss raccontata in un biopic su Netflix