Britney Spears torna a provocare nel video di Slumber Party

Britney Spears è più in forma che mai nel suo ultimo video Slumber Party, il nuovo singolo in remix con il featuring di Tinashe

chiudi

Video della settimana: Cosa lega Kurt Cobain ad Amy Winehouse?
Caricamento Player...

Sexy, esplosiva e provocante: è questa la Britney Spears che appare nel video di Slumber Party Remix, il nuovo singolo in remix con il featuring di Tinashe. Inutile nascondere che ci ha alquanto sorpresi poichè era un lato ormai abbandonato da tempo dalla nota popstar anni ’90 per vestire invece quelli da mamma.

Motivo per cui è stato cestinato il video originale di Make Me, diretto da David La Chapelle. In rete, a pochi minuti dalla pubblicazione di Slumber Party Remix, i fan non hanno perso tempo per commentare in maniera ironica il cambio di rotta.

La popstar

L’icona pop internazionale è tornata sulla scena musicale con il suo nono album in studio “Glory”, uscito lo scorso agosto, su etichetta RCA RECORDS.

Secondo quanto riporta il sito ladyblitz, Britney Spears nel corso di un’intervista ha affermato:

“Sicuramente è il mio miglior progetto discografico. Lo penso davvero. Mi sono presa del tempo necessario per lavorare con grandi producers del calibro di Julia Michaels, Justin Tranter. Sono grandi produttori nonché autori di musica; è un regalo, è una sorta di mega-regalo. Penso sia qualcosa di veramente creativo imbattersi in un nuovo progetto, e iniziare a scrivere di tuo pugno insieme ad altri, per vedere cosa ne viene fuori. Cominci a riscoprirti umile, e a volte dici a te stesso che non hai lavorato come dovevi, ed è divertente, è un lavoro divertente.”

Il video

Ambientazioni che ricordano le clip di Boys e My Prerogative, la cantante si dirige a un party in cui si trova a ballare e festeggiare con la cantante statunitense che l’accompagna.  Il tutto, ovviamente, in chiave sexy.

Alla regia del video Colin Tilley, che ha già lavorato con personaggi del calibro di Chris Brown, Justin Bieber, Fergie, Rita Ora e Nicki Minaj.