Beyoncé, Black Parade: il nuovo singolo della cantante americana pubblicato nella Giornata dell’Emancipazione.

Beyoncé torna far sentire la propria voce. La signora Carter-Knowles ha pubblicato il suo nuovo singolo, Black Parade, e lo ha fatto in una giornata non qualunque: il 19 giugno, che negli Stati Uniti è la Giornata dell’Emancipazione, data che ricorda la fine della schiavitù.

Un brano che arriva in un giorno importante e in un periodo storico particolarmente delicato per la storia degli States, a distanza di alcune settimane dalla morte di George Floyd da cui è scaturita l’ondata di manifestazioni per il movimento Black Lives Matter, sostenuta da tantissimi artisti, tra cui anche Johnny Depp.

Beyoncé, Black Parade: il nuovo singolo

Ad attirare l’attenzione del mondo sul Juneteenth, la festa per l’Emancipazione da sempre ritenuta una festa secondaria in America, è stata proprio Beyoncé, che ha deciso di pubblicare in questo giorno la sua nuova canzone, Black Parade.

Beyoncé
Beyoncé

Si tratta di un brano scritto con il marito Jay Z e in cui si elencano ed esaltano le caratteristiche del suo essere donna e nera. Un pezzo molto interessante e che si lega all’attualità, non essendo ovviamente privo di intenti antirazzisti.

Black Parade: una canzone contro il razzismo

Canta Beyoncé nel suo nuovo singolo: “L’essere neri, questo il motivo che li rende sempre come pazzi furiosi, l’essergli superiori, lo so che è questa la ragione che li rende pazzi, e sempre li ha resi tali“.

C’è orgoglio, c’è lotta, ma c’è spazio anche al dolore per le troppe morti impunite subite dai neri d’America. Un brano dunque dal molteplice significato, che assume una connotazione molto particolare per la data di pubblicazione e per il fatto che sia arrivato a sorpresa in uno dei periodi storici più importanti per le persone nere degli Stati Uniti.

Di seguito l’audio ufficiale di Black Parade:

TAG:
Beyoncé news strillo

ultimo aggiornamento: 22-06-2020


Eros Ramazzotti canta Una donna per amico di Lucio Battisti

Neil Young: fuori l’album Homegrown