Il Bataclan di Parigi riapre con Sting dopo la strage del 2015

A un anno di distanza dalla strage, il Bataclan di Parigi riapre il 12 novembre, e lo fa alla grande con un concerto di Sting.

Sting sarà il primo artista ad esibirsi al Bataclan di Parigi dopo la strage che il 13 novembre del 2015 costò la vita a 93 persone. Il commando legato all’Isis aveva aperto il fuoco sulla folla, durante un concerto della band americana degli Eagles of Death Metal. Il locale, che aveva subito grossi danni, è stato rinnovato completamente, soprattutto dal punto di vista della sicurezza.

Sting è stato fortemente voluto dai proprietari del Bataclan, della società Lagardère Unlimited Live Entertainment, e terrà un live il 12 novembre: i biglietti sono già acquistabili online. L’artista inglese sta per tornare con un nuovo disco, dal titolo “57th & 9th”, che uscirà l’11 novembre.

Cerimonia commemorativa

Nessuno potrà mai dimenticare l’orrore di quella sera, quando al suono della batteria si aggiunse lo scoppio degli spari: 93 persone persero la vita in quella follia, rivendicata dall’autoproclamato stato Islamico.

In occasione della riapertura del locale, ci sarà una cerimonia per celebrare le vittime della tragedia che ha segnato per sempre la storia non solo del Bataclan e di Parigi, ma del mondo intero.

Durante la serata ci saranno anche gli Eagles of Death Metal, che in quella sera maledetta suonavano “Kiss the devil”, in un primo momento ignari di quello che stava già accadendo intorno a loro. Tra l’altro la band è protagonista di un documentario di Colin Hanks, che sarà in onda a febbraio, incentrato proprio sulla strage.

Nuove misure di sicurezza

A un anno di distanza dalla strage, il Bataclan riapre le porte, dopo aver apportato delle importanti migliorie nella sicurezza.
Il sistema di sicurezza del locale è stato rinnovato e le porte avranno un sistema di automatismo che garantirà maggiore sicurezza a chi si trova all’interno del locale.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 04-11-2016

Caterina Saracino