Amy Winehouse, gran successo per il docufilm: molte sale italiane lo riproporranno

Perché i Green Day si chiamano così?

Amy Winehouse, oltre 70.000 spettatori hanno affollato le sale italiane dal 15 al 17 settembre per assistere al docu-film: tanti i cinema italiani che lo riproporranno.

In origine la programmazione nelle sale italiane del docu-film dedicato ad Amy Winehouse sarebbe dovuta durare solo tre giorni, dal 15 al 17 settembre. Ma il successo della pellicola ai botteghini ha fatto prendere la decisione a 28 cinema di 14 diverse regioni di programmare nuovamente il lavoro realizzato da Asif Kapadia (il regista aveva curato in passato, tra gli altri lavori, anche un documentario su Ayrton Senna).

Asif Kapadia che, grazie a materiale inedito e interviste, oltre alla musica di Amy Winehouse, ha messo su un documentario che ha destato la curiosità di molti fan e non (tanti coloro i quali per la prima volta hanno deciso di interessarsi alla vita dell’artista), che hanno affollato le sale italiane nei giorni scorsi per vedere “Amy”. Oltre 70.000 spettatori italiani hanno assistito alla proiezione del film , il quale è stato anche presentato fuori concorso al Festival di Cannes. Ha certamente suscitato attenzione e curiosità la scomparsa prematura (in circostanze non ancora chiarite) di Amy Winehouse, all’età di 27 anni. La stessa di molte star morte in simili circostanze:  Jim Morrison, Janis Joplin, Brian Jones, Jimi Endrix e Kurt Kobain.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 22-09-2015

Redazione Notizie Musica