Zucchero, domani al via le undici tappe all’Arena di Verona

Perché i Green Day si chiamano così?

Domani, venerdì 16 settembre, Zucchero darà il via alle tappe italiane del suo tour, per promuovere il disco Black Cat: saranno tutte all’Arena di Verona

Partirà domani, 16 settembre, il tour dell’Arena di Verona di Zucchero: un totale di undici appuntamenti nella splendida cornice, scelta dall’artista come unica location per le esibizioni italiane. Per Zucchero sarà l’occasione per presentare live in anteprima mondiale il suo ultimo progetto discografico, “Black Cat”, oltre ai suoi più grandi successi, portando in scena uno spettacolo ricco di intense e vibranti emozioni. Restano ancora disponibili in prevendita sul circuito TicketOne e nei punti vendita abituali i biglietti per assistere all’undicesimo appuntamento live di Zucchero previsto il 26 settembre. Sono infatti già sold out le date del 16, 17, 18, 23, 24 e 25 settembre e restano ancora disponibili pochissimi biglietti per le gradinate non numerate degli show del 20, 21, 27 e 28 settembre.

Una band di tredici elementi accompagnerà Zucchero

Il cantautore non sarà solo sul palcoscenico: con lui una band internazionale composta da tredici elementi: Polo Jenes (Musical director, bass), Kat Dyson (Guitars, Dobro, Mandolin, Bvs), Brian Auger (hammond Organ C3), Doug Pettibone (Pedal Steel Guitar, Dobro, Lap Steel, Banjo, Guitar), Queen Cora Dunham (Drums), Nicola Peruch (Keyboards), Adriano Molinari (drums), Mario Schilirò (guitars), Andrea Whitt (Violin, Mandolin, Pedal Steel Guitar), Tonya Boyd Cannon (backing Vocals), James Thompson (Sax Tenor, Sax Baritone, Flute, Harmonica), Lazaro Amauri Oviedo Dilout (Trumpet, Flugelhorn, French Horn) E Carlos Minoso (Trombone, Tuba)

Un disco prodotto da grandi artisti

Il disco “Black Cat” è prodotto da tre grandi nomi del panorama internazionale, T Bone Burnett (Elvis Costello, Elton John, Tony Bennett e altri), Brendan O’Brien (Bruce Springsteen, Pearl Jam, Bob Dylan e altri) e Don Was (The Rolling Stones, Iggy Pop, Bob Dylan e altri), e si compone di 13 brani dalle nervature rock-blues. L’album annovera, anche, la collaborazione artistica di Bono, che in seguito alla tragedia avvenuta al Bataclan di Parigi ha scritto con Zucchero il brano “Streets Of Surrender (S.O.S.)”, la partecipazione alle chitarre di Mark Knopfler, che suona sia nel brano “Streets Of Surrender (S.O.S.)” sia nel brano “Ci si arrende” e il contributo artistico di Elvis Costello che ha scritto la versione inglese del brano “Love Again”, dal titolo “Turn the world down” (canzone presente solo nelle versioni estere di “Black Cat”).

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 15-09-2016

Ivana Crocifisso

Per favore attiva Java Script[ ? ]