Scopriamo insieme qualche curiosità su Vivere o niente, sedicesimo album di Vasco Rossi, pubblicato il 29 marzo 2011.

Vivere o niente è il sedicesimo album in studio di Vasco Rossi, pubblicato il 29 marzo 2011, nel quale è contenuto il famoso brano Eh…già, ancora oggi virale e spesso ascoltato in TV, radio e condiviso in rete dai fan del rocker di Zocca e non solo. Scopriamo insieme qualche curiosità su questo lavoro discografico contenente 12 brani.

Vasco Rossi
Vasco Rossi

Vasco Rossi: Vivere o niente, qualche curiosità sull’album

Il 29 marzo 2011, Vasco Rossi pubblica il suo sedicesimo album in studio, dal titolo Vivere o niente. Tale lavoro discografico fu annunciato dal rocker di Zocca il 7 marzo di quell’anno e contiene 12 brani, tra i quali possiamo annoverare anche Eh…già, una canzone che non ha bisogno di presentazioni.

Il video di Eh…già:

Vivere o niente esce a tre anni e tre giorni da Il mondo che vorrei, classificandosi come l’album più venduto di quell’anno in Italia. All’interno, troviamo 12 brani che oscillano dal rock, al pop, fino ad arrivare ad atmosfere blues.

I brani sono stati realizzati dal rocker insieme a Guido Elmi, Tullio Ferro e Gaetano Curreri, suoi storici collaboratori. Le registrazioni di questo album sono state effettuate all’Open Digital Studio di Bologna e anche allo Speak Easy Studio di Los Angeles.

Eh…già e gli altri brani dell’album Vivere o niente

Il brano più conosciuto di Vivere o niente è sicuramente Eh…già, pubblicato dal rocker il 7 febbraio 2011, giorno in cui ha festeggiato il suo 59esimo compleanno. Si tratta di una ballad, la cui musica è stata scritta da Roberto Casini. Quando è uscito è arrivato alla prima posizione della classifica FIMI.

C’è, poi, Manifesto futurista della nuova umanità, Nel testo, l’artista parla dell’uomo moderno che non crede più in un Dio e che si affida totalmente alla scienza e al caso, fonti di verità assolute. Proseguiamo con Vivere o niente, che dà il titolo all’album e che – come spiega lo stesso cantautore – non significa vivere o morire, in alternativa, bensì semplicemente condurre la propria esistenza senza buttare al vento le occasioni che si presentano sul nostro cammino.

Infine, ci sono Starò meglio di così, Prendi la strada, Dici che, Vivere non è facile, Sei pazza di Me, L’Aquilone, Non sei quella che eri, Maledetta ragione e Stammi vicino, canzoni che completano uno degli album più apprezzati di Vasco Rossi, nel corso della lunga e prolifica carriera.

TAG:
strillo Vasco Rossi

ultimo aggiornamento: 29-03-2021


Le cinque canzoni migliori di Lady Gaga

Primo concerto post-Covid a Barcellona: le reazioni dei cantanti italiani