Vasco Rossi, Colpa d’Alfredo: un cofanetto speciale per i 40 anni del terzo album in studio della carriera del rocker di Zocca.

Continua la serie celebrativa R>Play della Sony Legacy per festeggiare i 40 anni degli album storici di Vasco Rossi. Dopo …Ma cosa vuoi che sia una canzone… e Non siamo mica gli americani!, è in arrivo nel 2020 Colpa d’Alfredo. Per il quarantesimo anniversario, lo storico terzo album del Blasco torna nei negozi in un’edizione speciale da collezione. Ecco tutti i dettagli su questa nuova uscita dedicata ai fan del rocker di Zocca.

Vasco Rossi, Colpa d’Alfredo: il cofanetto speciale

La data di uscita di questo cofanetto speciale è il 27 novembre 2020. Si tratta di un’edizione davvero da collezionisti in tutto e per tutto, a partire dalla copertina, progettata e voluta dallo stesso Blasco, con un primo piano del suo volto truccato e con un occhio nero. Guardiamola insieme:

https://www.instagram.com/p/CDisxlsgISm/

Ma le sorprese non finiscono qui. Il box in edizione limitata includerà infatti un CD, una musicassetta, l’LP da 180 grammi e il 45 giri del singolo Non l’hai mica capito, con Asilo Republic come b-side. L’audio di tutte le versioni dell’album è stato rimasterizzato per l’occasione da Maurizio Biancani a 24bit/192Khz, per soddisfare anche gli audiofili più esigenti.

Colpa d’Alfredo: il box dell’album di Vasco Rossi

Non solo musica. All’interno del box sarà infatti presente anche un libro di 112 pagine scritto da Marco Mangiarotti con i racconti del rocker di Zocca e le testimonianze dei musicisti che hanno preso parte alla realizzazione dello storico album.

Vasco Rossi
Vasco Rossi

E, come ultima chicca, nel cofanetto sarà presente anche un QR Code che darà la possibilità di scaricare il video animato di Anima fragile, la cui pubblicazione è attesa il prossimo autunno. Un video realizzato per l’occasione, visto al momento dell’uscita dell’album, nel 1980, non venne pubblicata alcuna clip promozionale.

TAG:
strillo Vasco Rossi

ultimo aggiornamento: 06-08-2020


Paul McCartney, niente residency a Las Vegas: “Lì si va a morire”

Francesco De Gregori: rimandato al 2021 il tour nei club