Paul McCartney ha parlato dei suoi prossimi concerti, chiudendo le porte alla possibilità di una residency a Las Vegas.

Paul McCartney non farà mai residency a Las Vegas. Lo ha dichiarato chiaramente lo stesso cantuatore britannico, poco tentato dal seguire le orme di altri grandi artisti come Elton John, Céline Dion o anche Lady Gaga. Una serie di concerti con sede fissa nella città del Nevada è un’ipotesi da escludere per Macca. Il motivo? Lo ha spiegato lo stesso ex Fab Four in un’intervista a GQ: “È una cosa che ho cercato di evitare per tutta la vita. Non c’è niente che mi attrae all’idea. Las Vegas è il posto dove si va a morire, no? È il cimitero degli elefanti“.

Paul McCartney: niente Las Vegas, ma Broadway…

Se Las Vegas è esclusa dal prossimo calendario di impegni per Sir Paul, potrebbe invece esserci spazio per Broadway. Una serie di show nel teatro più famoso del mondo non sarebbe infatti un’idea poco gradita all’ex Beatle.

Paul McCartney
Paul McCartney

Tuttavia, anche in questo caso c’è qualcosa che lo frena: “Alcune persone vorrebbero che lo facessi, perché dicono che ho un sacco di storie e molte canzoni. Però uno dei motivi che mi trattengono in questo momento è il fatto che Bruce (Springsteen, ndr) lo ha appena fatto“.

Paul McCartney, Flaming Pie: l’edizione deluxe

Proseguendo nel suo discorso sui concerti, l’artista ha dichiarato che preferirebbe suonare solo con la band, per un pubblico vasto ma anche per uno più piccolo, come nei piccoli club. Ma per il momento si tratta di progetti futuri che devono ancora trovare la propria concretizzazione.

Intanto, il cantautore è tornato sul mercato il 31 luglio con l’edizione deluxe di Flaming Pie, uno dei suoi album solisti, pubblicato originariamente nel 1997. In questa nuova edizione è presente anche una versione speciale di Beautiful Night in compagnia dell’altro ex Beatle ancora tra noi, Ringo Starr.

Di seguito il video di Beautiful Night:

TAG:
Paul McCartney Rock

ultimo aggiornamento: 06-08-2020


Neil Young: “Faccio causa a Donald Trump, ecco perché”

Vasco Rossi: in arrivo un cofanetto speciale per i 40 anni di Colpa d’Alfredo