Thasup, Carattere speciale: la recensione del secondo album del producer e rapper di Fiumicino, ex Tha Supreme.

Da quando il supremo ha fatto la comparsa sulle scene è cambiato tutto. Se le basi sono state poste nel mondo pre-pandemia, nell’immediata vigilia dell’evento più sconvolgente del Ventunesimo secolo, oggi ci ritroviamo in una società in grave difficoltà economica, con una guerra alle porte e un caos che sembra uccidere la vitalità. Sarà per questo che anche il producer di Fiumicino ha voluto cambiare tutto, a partire dal nome. Oggi si fa chiamare Thasup, ma il succo resta los tesso: il suo rimane lo stile più riconoscibile in un mondo, quello dell’hip hop italiano, che fin dagli inizi è sembrato stargli stretto. E lo conferma l’eclettismo asfissiante e disordinato di Carattere speciale, o meglio c@r@++ere s?ec!@le, un disco destinato a segnare un’intera generazione e a infrangere diversi record, pur rimanendo distante da quella maturità artistica da alcune parti ipotizzata.

Thasup, Carattere speciale: la recensione

23 6451 ha avuto una portata rivoluzionaria, in un certo senso. Il primo disco del supremo ha saputo mostrare nel mondo della trap qualcosa di differente, di fortemente votato a una musicalità da ritrovarsi in tutto, a partire dal linguaggio, una versione molto personale di uno slang della generazione Z che agli ascoltatori più grandicelli può sembrare incomprensibile. Carattere speciale, se vogliamo, prova a virare dalla strada maestra. Pur incanalato in uno stile che definire riconoscibile è poco, ci conduce per mano attraverso un girovagare tra le più disparate influenze musicali, prevalentemente pop, per presentarci l’universo di thasup, fatto di mille colori e mille sonorità.

Thasup
Thasup

Se c’è una cosa che si può apprezzare dell’artista romano, oltre a delle idee musicali stravaganti e delle capacità a tratti impressionanti a livello vocale ma anche di produzione, è di certo il coraggio. Perché, pur con un obiettivo di fondo così diverso, anche Carattere speciale, come il predecessore, ha voglia di stupire e lasciare a bocca aperta.

Lo dimostrano brani come okk@pp@, incontro tra jazz ed elettronica in piena salsa “suprema”, che rappresenta forse il brano più ardito e interessante della sua intera produzione fino ad ora. Ma non vanno dimenticate canzoni come b@by nel bed o r()t()nda, pezzi che fanno intravedere quella strada verso la maturità che ci aspettiamo sia stata intrapresa da un ragazzo che, non va dimenticato, è un classe 2001.

D’altronde, che lo spettro delle incursioni fosse vasto e vario in questo nuovo album lo avevano fatto intendere anche i tanti ospiti che Thasup ha voluto al suo fianco. Da Rkomi, che porta una ventata di rock all’interno del disco, a Coez, da Tiziano Ferro ai Pinguini Tattici Nucleari, senza dimenticare Salmo e Sfera Ebbasta. C’è di tutto in questo caleidoscopico calderone che si lascia ascoltare con gusto ma che fa perdere l’orientamento. Un effetto voluto, forse, per un lavoro che però così risulta meno godibile, un’opera in cui il caos è talmente predominante da non far intravedere quale possa essere la direzione giusta da seguire nell’immediato futuro.

Insomma, qualche difetto all’interno dell’album c’è. Ma ciò non toglie che l’impatto avuto dal disco nelle prime settimane di uscita è tale da renderlo una sorta di instant classic, complice anche il chiacchiericcio sollevato da un paio di dissing che Thasup ha riservato a Blanco. Una promessa mantenuta che potrebbe innescare, chissà, una delle rivalità musicali più interessanti in Italia da qualche anno a questa parte.

Carattere speciale: la tracklist

1 – Mar+e
2 – Okk@pp@
3 – !ly (feat. Coez)
4 – L%p (feat. Mara Sattei)
5 – _bilico_
6 – R()t()nda (feat. Tiziano Ferro)
7 – Ye@h (feat. Shiva)
8 – Come t! vorre! –
9 – Rock & Rolla (feat. Rkomi)
10 – Molecole
11 – Sci@ll@ (feat. Tananai)
12 – R!va (feat. Pinguini Tattici Nucleari)
13 – Mi @mi o è f@ke
14 – S!r! (feat. Lazza e Sfera Ebbasta)
15 – B@by nel bed
16 – Cas!no nella m!a testa (feat. Salmo)
17 – W()ah
18 – C!ao (feat. Rondodasosa)
19 – + bla se c’è bling
20 – M%n

Voto: 6.5

Di seguito l’audio di okk@pp@:

Riproduzione riservata © 2022 - NM

recensioni strillo

ultimo aggiornamento: 09-10-2022


Bruno Mars, le migliori canzoni: da Grenade a Uptown Funk

John Lennon, le migliori canzoni della carriera solista dell’ex Beatle