Si è spento a Manhattan Ornette Coleman, uno dei più grandi innovatori della storia del Jazz

Perché i Green Day si chiamano così?

Aveva 85 anni: il sassofinista Ornette Coleman, padre del Free Jazz, si è spento a Manhattan per un arresto cardiaco.

Aveva 85 anni: si è spento a Manhattan il sassofonista Ornette Coleman, considerato uno dei più grandi innovatori della storia del jazz. Fu grazie al suo album “Free jazz: A collective improvisation”, pubblicato nel 1960, che il movimento prese il nome di free jazz. Nel corso della sua carriera ha pubblicato quindici album sempre accolti con benevolenza dalla critica: molti di questi sono da considerarsi dei veri e propri classici del Jazz.

È morto per arresto cardiaco. Di lui il New York Times ha scritto: “Attraverso il suo esempio negli anni ’50 e ’60 ha aiutato il jazz cambiare rotta, ad essere meno legato alle regole di armonia e ritmo e a prendere le distanze con il repertorio delle canzoni americane”.
Coleman divenne celebre come musicista filosofo, con interessi più ampi di quelli della sua musica.

Se “Free jazz: A collective improvisation” diede il via ad un nuovo filone, fu “Shape of Jazz to Come” del 1959 a renderlo famoso. In quell’anno Ornette Coleman si era esibito al Five Spot club di New York. E di quella sera, ai tempi, scrisse il critico George Hoefer a proposito delle reazioni contrastanti del pubblico: ””Alcuni se ne sono andati ancor prima di finire il cocktail, altri sono rimasti ipnotizzati, altro litigavano a scena aperta”.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 12-06-2015

Redazione Notizie Musica