La conferenza stampa di Sanremo 2021 del 7 marzo: le parole di Amadeus e degli organizzatori al termine della kermesse.

Con la vittoria dei Maneskin a nottata inoltrata il Festival di Sanremo 2021 è andato in archivio. Tra mille difficoltà la kermesse è andata in porto, con tantissimi momenti evitabili ma anche tanta musica piacevole che ha trovato finalmente spazio anche a livello mainstream. Nel loro piccolo Damiano e gli altri hanno portato una piccola rivoluzione. E adesso cosa succederà? Ecco cosa hanno raccontato i vertici Rai e Amadeus.

Sanremo 2021: conferenza stampa 7 marzo

La conferenza si è aperta con tutti i cantanti premiati o a podio: Maneskin, Colapesce e Dimartino, Ermal Meta, Francesca Michielin e Fedez e infine Willie Peyote. Senza troppi giri di parole il rapper torinese e il duo siculo hanno lanciato una frecciatina agli organizzatori per avergli dato i rispettivi premi nel backstage. Ermal, Francesca e Fedez si sono detti contenti, gli ultimi due hanno anche risposto alle polemiche sul televoto e l’appello di Chiara Ferragni, e hanno fatto gli auguri ai Maneskin. I vincitori hanno invece espresso la loro soddisfazione e hanno confermato che andranno all’Eurovision Song Contest 2021.

Maneskin
Maneskin

Ha preso quindi la parola Amadeus: “Finalmente è arrivato il 7. Sono soddisfatto, felicissimo. Ho sempre tenuto a precisare che sarebbe stato un Sanremo diverso dagli altri. Sono felice e orgoglioso per tutto quello che è accaduto e faccio i complimenti a tutti i cantanti che hanno partecipato. Sono certo che molti di loro saranno i super Big di domani. Musicalmente abbiamo fatto un passaggio epocale nella storia del Festival. Ringrazio tutti, la discografia, la Rai, un piccolissimo gruppo di persone, collaboratori e amici che insieme a me da due anni non hanno mai mollato e hanno sempre condiviso qualsiasi idea e dubbio“.

Dopo l’auspicio dell’amministratore delegato Rai, che vorrebbe un Ama-ter, il conduttore ha voluto chiarire: “Ringrazio Fabrizio Salini per questi due anni insieme di Sanremo, storici per vari motivi. Ho già detto quello che penso, questo è un evento non un programma televisivo, ci vogliono energie e forza. In questo momento vorremmo fermarci, poi se la Rai lo vorrà e ritroveremo le energie si vedrà. Un futuro solo da direttore artistico? Difficile, non so se sarei capace di farlo stando dietro le quinte “.

In conclusione, Amadeus ha anche confermato che lui e la Rai hanno promesso un Sanremo estivo, uno speciale evento nei mesi più caldi, come regalo alla città per aver ospitato la kermesse.

Ecco un tweet sulle sue parole:

TAG:
Sanremo strillo

ultimo aggiornamento: 07-03-2021


Sanremo 2021, il pagellone finale: exploit Maneskin, Peyote eroico

Jeff Buckley, in arrivo un nuovo biopic sul cantautore