Sanremo 2018, la sfilata delle stelle sul tappeto rosso

Perché i Green Day si chiamano così?

Su il sipario del Festival di Sanremo 2018: la sfilata dei big sul red carpet sancisce l’inizio della grande festa musicale italiana.

È ormai finita l’attesa: tra poche ore si alzerà il sipario del teatro dell’Ariston e prenderà il via il Festival di Sanremo 2018. O meglio, inizierà la rassegna musicale perché, come di consueto, la sfilata dei big in gara sul tappeto rosso del Teatro sancisce l’effettivo inizio del Festival.

Sanremo 2018, la sfilata di inizio Festival

Un’atmosfera unica, una cerimonia che lascia il segno e commuove. Sotto una pioggia di coriandoli, con il consueto mazzo di fiori in mano (simbolo della città) e su un tappeto rosso ricco di emozioni, sono passati davanti agli obiettivi dei fotografi e agli occhi dei curiosi i cantanti in gara appartenenti alla categoria big.

Elegantissima e bellissima Nina Zilli che ha conquistato tutti con un abito da sera nero, sensuale ed elegante. Alternativo e coraggioso Mario Biondi che non sembra sentire  le pressioni del favore del pronostico e resta fedele a sé stesso con un cappello nero che sa tanto di blues e un lungo cappotto in pelle, rigorosamente nero.

Considerata la maggioranza di artisti maschi in gara, una delle osservate speciali della sfilata di rito non poteva non essere Ornella Vanoni, di diritto portabandiera del gentil sesso. Lei ovviamente non ha deluso le aspettative e si è presentata sul red carpet accompagnata da Pacifico, Bungaro e… il suo cagnolino. Non è un segreto il grande amore della cantante per gli amici a quattro zampe: nel maggio del 2017 infatti la Vanoni aveva commosso il mondo dei social con un post dedicato a Why, il suo cane morto di infarto dopo essere stato aggredito da un altro cane.

I look stravaganti sul red carpet

Non sono mancate, come tutti gli anni, le sorprese. Infatti, in una serata in cui tutti hanno seguito le norme di un certo dress code di un certo tipo, alcuni invece hanno optato per uno stile in grado di attirare l’attenzione dei fotografi presenti. Fra i tanti risalta sicuramente, e non poco, la maglia bianca di Giovanni Caccamo. Personalità.

Fa sorridere invece la maglia sfoggiata da Roy Paci, che si è presentato la faccia di Claudio Baglioni stampata sul petto. Rigorosamente sotto una giacca nera sbottonata. Divertente e promosso.

La sfilata si è conclusa senza alcun colpo di scena paragonabile a quello offerto nel 2016 dal buon Morgan, il quale decise di presentarsi sul tappeto rosso a bordo di uno skateboard rimediando una ingloriosa caduta davanti agli occhi (e alle macchine fotografiche) di tutti. Questa volta volta nessuna gaffe sul red carpet, solo un paio di ‘scivoloni’ della Hunziker in occasione del brindisi inaugurale. Ma questa è un’altra storia…

Questo il video dell’indimenticabile caduta di Morgan

FONTE FOTO: https://twitter.com/RaiRadio2

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 06-02-2018

Nicolò Olia

Per favore attiva Java Script[ ? ]