Dopo la morte di Neil Peart, gli ascolti in streaming delle canzoni dei Rush hanno subito un’impennata del 776%.

In seguito alla morte del batterista Neil Peart, i Rush si sono ritrovati a dominare le classifiche LyricFind US e LyricFind Global di Billboard del 18 gennaio. La band occupa 23 delle 25 posizioni nel sondaggio globale e 18 dei 25 posti nella classifica degli Stati Uniti.

Le chart LyricFind Global e LyricFind U.S. classificano le tracce più digitate nelle query di ricerca dei testi e negli utilizzi a livello globale e negli Stati Uniti, rispettivamente, fornite da LyricFind. Gli ascolti in streaming della band sono aumentanti addirittura del 776%.

Rush: impennata di ascolti in streaming dopo la morte di Neil Peart

La morte di Neil Peart – storico batterista dei Rush – paradossalmente ha creato un effetto positivo in merito agli ascolti in streaming. Il tragico evento che ha colpito la band, infatti, ha avuto come risultato un aumento del 776% in merito agli ascolti in digitale.

Il grafico globale fornito dalle classifiche citate, infatti, include query da tutti i paesi, inclusi gli Stati Uniti. La società è leader mondiale nei testi su licenza, con dati forniti da oltre 5.000 editori e utilizzati da oltre 100 servizi, tra cui Amazon, Pandora, Deezer, Microsoft, SoundHound e iHeartRadio. L’ultima settimana di monitoraggio è terminata il 12 gennaio.

Le canzoni dei Rush occupano i primi sei posti del conteggio di LyricFind Global, con davanti a tutti Tom Sawyer, che ha guadagnato un aumento del 2,480% in termini di ricerche, secondo LyricFind, in seguito alla notizia della morte di Peart.

Limelight si colloca alla posizione numero 2 in Global (+ 2.788%), con The Trees (+ 1.513%) che completa le prime tre. The Temples of Syrinx (n. 4), Loosing It (n. 5), The Garden (n. 6), Afterimage (n. 8) e Closer to the Heart (n. 10).

Interessante anche il dato sulle vendite di singoli e album, che potrebbero anche rientrare nelle principali classifiche Billboard dei prossimi giorni.

Di seguito il video di Tom Sawyer:

Rush, l’ultimo show con Neil Peart

Neil Peart è morto il 7 gennaio 2020, dopo una battaglia di tre anni contro il cancro al cervello. Una lotta che il batterista ha tenuto privata, nonostante l’interesse dimostrato dalle legioni di fan della band.

L’ultimo spettacolo dei Rush con Neil Peart si è tenuto al MGM Grand Garden di Las Vegas nel mese di luglio 2016, durante il tour R40, che ha celebrato il 40° anniversario della band.

Neil Peart
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/rushtheband

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/rushtheband

TAG:
news Rush

ultimo aggiornamento: 18-01-2020


Da Nunzio Filogamo ad Amadeus: tutti i presentatori del Festival di Sanremo

Rod Evans: riascoltiamo le sue migliori canzoni con i Deep Purple