I Rolling Stones non hanno potuto prendere parte al funerale di Charlie Watts, il batterista della band: svelato il motivo.

Al funerale di Charlie Watts non hanno potuto partecipare i Rolling Stones. Le esequie del celebre batterista, scomparso a 80 anni il 24 agosto, si sono tenute pochi giorni fa in Inghilterra. Una cerimonia in forma privata che ha avuto luogo in Devonshire, ma che ha visto la grande e rumorosa assenza di Mick Jagger, Keith Richards e Ronnie Wood, gli altri tre membri storici del gruppo britannico. Una mancanza di rispetto? Forse, ma ben motivata. Ecco cosa ha trattenuto i tre musicisti.

The Rolling Stones
The Rolling Stones

Rolling Stones: perché non hanno partecipato ai funerali di Charlie Watts?

A tenere i tre compagni di vita lontani dall’ultimo saluto per il grande Charlie è stata ovviamente la pandemia da Covid. La band in questo momento è infatti a Boston per preparare il prossimo tour nordamericano, il primo dopo la scomparsa del batterista. Un giro di concerti che partirà il 26 settembre.

Purtroppo a causa delle restrizioni dovute al Covid Jagger, Richards e Woods non hanno potuto prendere un volo verso la Gran Bretagna. Avrebbero infatti rischiato di essere costretti a un isolamento fiduciario che avrebbe compromesso i loro programmi.

I Rolling Stones ricorderanno Charlie Watts durante il tour

Ovviamente gli Stones non dimenticano però il loro vecchio compagno di avventure, che verrà ricordato ampiamente durante il prossimo tour nordamericano. Saranno tanti gli omaggi che la band riserverà al batterista britannico, come riferito dal tabloid Sun. Perché, nonostante non abbiano potuto dargli l’ultimo saluto, Jagger e soci non hanno minimamente scordato sir Charlie, che rimarrà per sempre un perno nella storia delle pietre rotolanti.

Di seguito il video della loro Sympathy for the Devil:

Charlie Watts Rock strillo The Rolling Stones

ultimo aggiornamento: 14-09-2021


Fast Animals and Slow Kids: in arrivo un nuovo album e un tour

X Factor 2021: tutte le novità nel regolamento della nuova edizione