Il basso dell’icona dei Beatles, Paul McCartney, è stato acquistato all’asta a un prezzo molto elevato, diventando il basso più costoso mai venduto.

È stato battuto all’asta il basso di Paul McCartney: lo strumento dell’ex Beatle è stato venduto all’asta per 496.100 mila dollari, diventando così il basso più costoso di tutti i tempi. Il musicista ha utilizzato lo Yamaha BB-1200 in studio e in tournée con i Wings e quando è stato venduto, lo strumento ha battuto il record di prezzo più alto di vendita di un basso. L’anno scorso, infatti, è stato venduto un Fender Mustang del 1969, appartenente all’ex rocker dei Rolling Stones, Bill Wyman per la cifra di 384.000 mila dollari, come riporta femalefirst.co.uk.

Paul McCartney
Paul McCartney

Paul McCartney, venduto il suo basso da record all’asta

Un basso suonata da Paul McCartney è stato venduto all’asta durante il fine settimana, classificandosi come il basso più costoso al mondo. Si tratta dello Yamaha BB-1200, che McCartney utilizzò in studio e in tournée con i Wings: è stato venduto per 496.100 mila dollari, battendo il precedente record di 384.000 mila dollari stabilito dal Fender Mustang del 1969 di Bill Wyman dei Rolling Stones nel 2020.

L’asta è stata organizzata da The Edge degli U2 e dal produttore Bob Ezrin per il proprio ente di beneficenza Music Rising a beneficio dei musicisti nel Golfo meridionale“, a seguito della “devastazione che la pandemia di COVID-19 ha provocato ai musicisti e alle comunità musicali“.

Anche artisti del calibro di U2, Elton John, Pearl Jam, Rush, Tom Morello, Joan Jett, Bruce Springsteen, Lou Reed, Kings Of Leon, Johnny Marr, Green Day, Radiohead e Win Butler degli Arcade Fire hanno donato strumenti all’asta che ha raccolto oltre 2 milioni di dollari.

Gli altri strumenti da record

Il basso di McCartney non è stato l’unico strumento da vendita record battuto all’asta nel corso della serata: è stata, infatti, anche venduta la Lake Placid Blue Fender Telecaster di Eddie Vedder, che il musicista distrusse durante un concerto e venduta per 266.200 mila dollari, diventando, in questo modo, rendendola la chitarra fracassata più costosa mai venduta all’asta.

Parlando dell’evento, The Edge ha dichiarato: “Vogliamo ringraziare tutti coloro che sono coinvolti in questa fantastica asta, compresi gli artisti che hanno generosamente donato i loro strumenti personali e gli offerenti di tutto il mondo che ci hanno aiutato a battere i record mondiali“.

“I proventi guadagnati da Music Rising aiuteranno a riportare in auge la musica dal vivo in una parte del paese la cui cultura musicale è stata enormemente influente nel mondo“, ha continuato. “Siamo in debito con tutti i sostenitori di Music Rising che ci hanno dato una grande opportunità per tornare alle nostre radici e aiutare quei musicisti che ne hanno bisogno“.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 26-12-2021


Mario Biondi in concerto nel 2022: tutte le date

Le cinque canzoni migliori dei Metallica