One Direction: Liam Payne canta Wonderwall. Nel prossimo album ci saranno un po’ di Oasis?

One Direction: Liam Payne, la cover di Wonderwall e il prossimo album: «Le canzoni suonano un po’ come come qualcosa degli Oasis»

Una chitarra, pochi accordi – tra i più celebri degli anni Novanta –, un microfono, Liam Payne – uno dei quattro membri degli One Direction–, una folla di spettatori e centinaia di telefoni a riprendere la performance improvvisata. Unite tutti gli elementi e il risultato sarà l’esibizione inaspettata che proprio Liam Payne ha regalato lo scorso week end a Monaco. Il video di pochi secondi è visibile proprio qui sotto, ma vi anticipiamo già che i pochi accordi di cui sopra sono quelli di Wonderwall, uno dei brani più gloriosi degli Oasis, l’ex formazione capitata dai fratelli Gallagher.

Clicca QUI per vedere la cover di Wonderwall di Liam Payne

Una cover di una canzone scelta a caso? Parrebbe proprio di no, visto che Payne ha recentemente annunciato che il futuro progetto degli One Direction «suonerà un po’ come il nuovo disco di un gruppo britpop». Difficile, quindi sfuggire alla tentazione di pensare alla cover di Wonderwall come preludio al nuovo album. E per la serie che “due prove fanno un indizio”: Payne non ha mai cercato di nascondere che gli Oasis sono uno dei modelli di riferimento per le sonorità del nuovo disco.

Tant’è che il cantante, in un’intervista concessa a Capital FM lo scorso mese di aprile, aveva dichiarato: «Il nuovo disco sta venendo su davvero bene. Ci sono canzoni fantastiche che suonano un po’ come qualcosa degli Oasis. Le sto adorando».

Non rimane che attendere quindi il nuovo disco degli One Direction. E con esso anche la reazione, che si preannuncia poco diplomatica, di Noel Gallagher, già espressosi con parole poco gentili in passato nei confronti della boyband orfana di Zayn Malik. I bookmakers stanno già scommettendo su quel tipo di insulto arriverà questa volta.

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 27-05-2015

Licia De Pasquale