Mickey Madden lascia i Maroon 5: il bassista ha deciso di lasciare il gruppo dopo le accuse di violenza domestica.

Mickey Madden lascia i Maroon 5. La notizia era nell’aria, ma ora è arrivata la conferma, riferita dalla rivista americana People. L’uomo era stato accusato a inizio estate 2020 di violenza domestica ai danni della sua compagna. Dopo essere stato arrestato, era stato rilasciato su cauzione di 50mila dollari. “Ho alcune cose da affrontare“, avrebbe dichiarato il bassista della band di Adam Levine in una dichiarazione a Rolling Stone.

Mickey Madden lascia i Maroon 5

Il bassista della band americana, Mickey Madden, ha deciso di lasciare la band dopo essere stato arrestato per violenza domestica. Intervistato da Rolling Stone, l’artista avrebbe dichiarato: “Ho alcune cose che devo affrontare in questo momento e quindi ho deciso di lasciare i Maroon 5. Durante questo periodo non voglio essere una distrazione per i miei compagni. Auguro loro il meglio del meglio“. Non viene specificato però se il suo sia un arrivederci o un addio alla storica band di She Will Be Loved:

Maroon 5: Mickey Madden lascia il gruppo

Il noto bassista era stato arrestato il 27 giugno, dopo essere stato accusato di violenza domestica ai sensi del codice penale della California. La band non aveva commentato subito l’accaduto, ma aveva riferito tramite un portavoce: “Siamo devastati da questa brutta notizia. Man mano che emergono informazioni prendiamo tutta questa storia molto sul serio. Per ora, permettiamo a tutte le persone coinvolte di lavorare“.

Anche la notizia dell’addio per ora non è stata commentata ufficialmente da Adam Levine e compagni. L’annuncio arriva comunque all’indomani della riprogrammazione del tour nell’estate del 2021. Un tour che, a questo punto, non dovrebbe più riguardare Madden, salvo novità dei prossimi mesi.

Adam Levine dei Maroon 5
Adam Levine dei Maroon 5
TAG:
Maroon 5

ultimo aggiornamento: 15-07-2020


Katy Perry: ecco il video del nuovo singolo Smile

Gaia Gozzi protagonista di Musica e abbracci virtuali: “Suoniamo e cantiamo insieme”