Dangerous, ottavo album in studio di Michael Jackson, compie 30 anni: la storia e qualche curiosità legate a questo lavoro discografico di svolta per l’artista.

L’ottavo album di Michael Jackson Dangerous compie 30 anni il 26 novembre 2021. Questo fu il primo album dell’artista senza la presenza del produttore Quincy Jones dopo oltre un decennio di collaborazione. Jones ha partecipato al nove volte disco di platino Off The Wall del 1979, Thriller del 1982 e all’11 volte disco di platino Bad, pubblicato nel 1987. Scopriamo la storia dietro questo iconico album.

Michael Jackson
Michael Jackson

Michael Jackson, Dangerous compie 30 anni: la storia dell’album

L’otto volte disco di platino, Dangerous, è stato un album altamente sperimentale di Jackson, poiché lo ha visto adattarsi al nuovo stile jack swing della fine degli anni ’80 e dei primi anni ’90. Questo stile comprende elementi di jazz, funk, rap e R&B. Per portare avanti il progetto, l’artista chiamò Teddy Riley,pioniere del nuovo stile jack swing, per produrre l’album.

Oltre a un allontanamento stilistico dalla sua musica precedente, Dangerous ha mostrato un lato più socialmente consapevole del cantante, un’impresa notevole perché aveva spesso toccato tali temi in canzoni precedenti come Man In the Mirror e We Are The World. Il cambiamento di stile e la maggiore consapevolezza sociale si vedono subito nella prima traccia, Jam in cui invita le nazioni a unire le forze per affrontare i problemi del mondo e risolverli.

Why You Wanna Trip On Me è caratterizzata da atmosfera funky: il cantante dice ai media di tenere a bada la loro ossessione verso di lui e concentrarsi su questioni più importanti. “Dicono che sono diverso/Non capiscono“, canta Jackson. Fa anche riferimento all’epidemia di HIV/AIDS della fine del ventesimo secolo. Jackson sostiene che, invece di concentrarsi su questioni non importanti, come la sua carnagione più chiara e il naso alterato su cui i media erano ossessionati, dovrebbero concentrarsi su questioni che hanno un impatto reale sulle persone e lasciarlo in pace.

Le altri canzoni dell’album

In the Closet è una delle canzoni più sexy che Jackson abbia mai pubblicato. L’intro inizia con una donna che sussurra – con un pianoforte in sottofondo – a Jackson di fare l’amore. La canzone torna – quindi – direttamente allo stile new jack-swing. Remember the Time è una delle canzoni più intramontabili dell’album: raggiunse la posizione n. 3 negli Stati Uniti nella Billboard Hot 100 al momento del rilascio.

In Can’t Let Her Get Away, Jackson contempla lo scenario di una relazione fallimentare con un ritmo più morbido, ma ancora funky. Heal the World mostra l’umanitarismo e la generosità senza precedenti del Re del Pop. La canzone fa leva su un ritmo lento, morbido e melodico, facendo un passo indietro rispetto alle sonorità dominanti dell’album. Il video di Heal the World:

Nel 1992, dopo la pubblicazione di questa canzone, Jackson ha fondato la Heal the World Foundation. Donò milioni di dollari a questioni umanitarie che si occupavano di fornire medicine e istruzione ai bambini meno fortunati, contrastando anche la fame. Jackson donò tutti i profitti del suo Dangerous World Tour alla fondazione, raccogliendo milioni di dollari.

Ha anche portato i bambini svantaggiati nel suo parco a tema nel Neverland Ranch, fornendo loro un breve ma indimenticabile momento per fuggire dai problemi della loro vita. Black or White è una delle canzoni più importanti di sempre di Jackson, che presenta – ancora una volta – il nuovo stile jack con elementi di rock e rap. In questa canzone, il cantante predica l’uguaglianza razziale.

Dangerous, la title track, chiude l’album e lo avvolge con il nuovo stile musicale che ha dominato il progetto. In un tema simile a quello di Dirty Diana del suo album Bad, Jackson parla di una ragazza che lo seduce, ma sa che ha cattive intenzioni verso di lui. Con Dangerous, Jackson si è distaccato dal suo stile tradizionale per immergersi in un progetto iconico e, a trent’anni dall’uscita, è ancora molto attuale, vista l’importanza che ricoprono temi come l’uguaglianza razziale, l’umanitarismo e l’amore.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

strillo

ultimo aggiornamento: 26-11-2021


Yes, la storia e canzoni dell’album Fragile pubblicato nel 1971

Fedez svela il suo lato Disumano, tra tanto amore e un po’ di politica