Il significato di Losing My Religion, iconica canzone dei R.E.M, contenuta nell’album Out of Time, pubblicato nel 1991.

“Sono io nell’angolo. Sono io sotto i riflettori“. Se avevate la radio accesa nel 1991, probabilmente ascoltavate uno dei singoli più incredibili della Top 40 di tutti i tempi. Tra Right Here, Right Now di Jesus Jones e Gonna Make You Sweat dei C&C Music Factory, c’era Losing My Religion dei R.E.M., il brano che ha trasformato gli ex re del college rock in superstar internazionali. Scopriamo insieme il significato della canzone.

Losing My Religion, il significato della canzone dei R.E.M

Con la cupa Losing My Religion, i R.E.M hanno dato una potente svolta alla loro carriera, diventando grandi star della della musica pop-rock.

chitarra Stratocaster
Chitarra Stratocaster

Ci sono stati pochissimi eventi che hanno cambiato la vita nella nostra carriera perché la nostra carriera è stata così graduale“, ha detto il bassista Mike Mills. “Se vogliamo parlare di come cambiare la vita, ‘Losing My Religion’ è quanto di più si avvicini a ciò”.

Il video di Losing My Religion:

A differenza delle prime canzoni dei R.E.M., Losing My Religion fa leva su un testo comprensibile, anche se è stato frainteso come altri. Era sacrilego? Il gruppo rifiutava la Chiesa ed esortava a smettere di celebrare il Natale?

In realtà, non è stato così. Losing My Religion è – in realtà – una vecchia espressione del sud per dire che si è arrivati al limite e che è arrivato il momento in cui la gentilezza lascia il posto alla rabbia. Ma se vi mancava quel passaggio chiave, avreste potuto pensare che la vaga immagine di Michael Stipe fosse chiaramente un riferimento alla tradizione giudaico-cristiana.

Stipe, che proviene da una famiglia di ministri metodisti ed è un ammiratore del buddismo, stava semplicemente dando un tocco poetico a un detto meridionale poco conosciuto, costruendo attorno ad esso un muro di parole evocative. La gravità che evoca con la sua ferita acuta è immensa: “Pensavo di averti sentito ridere, pensavo di averti sentito cantare” per poi arrivare la riga, “oh no, ho detto troppo“, che suona devastante.

Il video della canzone

Il singolo è stato accompagnato da un lunatico video d’autore, che MTV metteva in rotazione costantemente. Ispirato da un racconto dell’autore di Cent’anni di solitudine, Gabriel García Márquez, è stato il primo a presentare la sincronizzazione labiale di Stipe. Si vedono nella clip angeli androgini e una brocca di latte versato che dà il via al tutto.

Grazie – in parte – alle sue immagini ambigue, la canzone è stata in grado di penetrare nella coscienza globale, da Dubai a Des Moines, fino a diventare il più grande successo della band. I R.E.M. non hanno mai più registrato un altro successo come quello ottenuto con Losing My Religion, anche se – nel corso degli anni – sono stati presenti nelle radio con altri brani come Man in the Moon e Everybody Hurts.

I dubbi della Warner Bros

La Warner Bros., etichetta della band, inizialmente era contraria all’utilizzo della canzone, che non ha ritornello, come singolo principale del album spartiacque, Out Of Time. Per prima cosa, era in una tonalità minore, che raramente funge da ricetta per una canzone di successo, ad eccezione di Hotel California. Dall’altro lato, ha provocato polemiche con la sua messa in discussione della fede. Il brano è stato registrato nei Bearsville Studios di Woodstock, a New York, dove Michael Stipe ha inciso la sua voce in un unica registrazione.

TAG:
R.E.M. Rock strillo

ultimo aggiornamento: 19-02-2021


Ornella Vanoni e Francesco Gabbani duetteranno a Sanremo durante la finale

I brani che non hanno vinto Sanremo… ma sono diventati un successo!