Ligabue, un concerto senza pubblico per inaugurare la RCF Arena di Reggio Emilia: la proposta del governatore dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini.

C’è un’ipotesi che sta circolando nelle ultime ore, trovando sempre maggior vigore: quella di un possibile concerto di Ligabue a Campovolo nel 2020, ma senza pubblico. Sembra inverosimile, ma la proposta è arrivata da una voce piuttosto autorevole: il governatore dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini.

Il rocker di Coreggio era atteso a settembre da un grande evento, 30 anni in un giorno, con cui avrebbe dovuto inaugurare l’RCF Arena di Reggio Emilia, ma a causa del Covid-19 il tutto è slittato al 21 giugno 2021. Tuttavia, Bonaccini avrebbe pensato di far andare in scena comunque l’evento nella data originaria, ma senza pubblico.

Ligabue in concerto a Campovolo senza pubblico?

Può Ligabue esibirsi in un’Arena enorme senza alcuna persona tra il pubblico? Sembra assurdo, ma si tratta di un’ipotesi che sta prendendo corpo ora dopo ora.

Ligabue
Ligabue

Inaugurare infatti la valle della musica di Campovolo, l’arena per i live all’aperto più grande d’Italia, con un concerto senza pubblico di un artista così importante, potrebbe rappresentare un messaggio di speranza per il mondo dello spettacolo in questo anno così difficile a causa del Coronavirus.

Ligabue a Campovolo

Tra l’altro, non si tratterebbe della prima volta di Liga a Campovolo. L’artista ha infatti suonato già nella stessa location (ma non nell’Arena) per lo straordinario concerto del 2005 per festeggiare i primi quindici anni di carriera.

Anche per questo il suo ritorno per i trent’anni era più atteso che mai, e potrebbe servire da evento simbolico in questo momento difficile per lanciare un messaggio di speranza a tutto il mondo dello spettacolo. Per ora comunque non c’è alcuna certezza. Le trattative però sono in corso, e le possibilità non sono così basse. Nell’attesa di novità, ci godiamo Certe donne brillano, uno dei suoi ultimi successi:

TAG:
Ligabue news

ultimo aggiornamento: 30-06-2020


The Game: l’iconico album dei Queen compie 40 anni

Imagine di John Lennon nuovo inno americano: la proposta che fa discutere