Le migliori canzoni di Leonard Cohen, da Halleluja a Suzanne

Leonard Cohen: le migliori canzoni del ‘Poeta’ canadese

Le migliori canzoni di Leonard Cohen: un tributo al cantautore canadese in quello che sarebbe stato il giorno del suo compleanno.

Nato il 21 settembre del 1934, Leonard Norman Cohen, conosciuto semplicemente come Leonard Cohen, è considerato come uno dei più raffinati cantautori nella storia  recente della musica. In Canada, dove è nato, è una vera e propria leggenda e più che un musicista è considerato un filosofo, un pensatore illustre.

I testi delle sue canzoni hanno in effetti uno spessore notevole e centinaia di spunti di riflessione. Andiamo a riascoltare le canzoni migliori di Leonard Cohen.

Le cinque migliori canzoni di Leonard Cohen

Quando parliamo di Cohen parliamo di un artista di livello indiscusso e indiscutibile. Decisamente poco commerciale (eccezion fatta per Halleluja), la sua musica è comunque riuscita a coinvolgere ed emozionare milioni di persone e diverse generazioni.

Leonard Cohen, Halleluja

Non possiamo non iniziare le nostra selezione delle migliori canzoni di Cohen partendo da Halleluja, il brano più famoso dell’artista, non a caso ripresa da diversi artisti del calibro di Jeff Buckley, Parliamo di uno dei brani più suonati dai chitarristi e pianisti amatoriali che si affidano alla magia del pezzo per stupire l’improvvisato pubblico di amici e parenti. Emozioni assicurate.

Di seguito il video di Halleluja:

Leonard Cohen, Dance Me to the End of Love

Come raccontato dallo stesso Cohen, la canzone è nata riflettendo sugli orrori della Seconda Guerra Mondiale e più in particolare sulla tragedia dei campi di concentramento. Uno degli aspetti che ha colpito un musicista assoluto come Cohen è il fatto che i prigionieri suonassero musica classica mentre i loro compagni venivano uccisi.

Di seguito il video Dance Me to the End of Love:

Leonard Cohen, Suzanne

Nata come poesia e incisa nel 1967, Suzanne è un’appassionata e dolorosa confessione dell’autore che rivela il suo legame con Suzanne Verdal, moglie di un noto scultore francese.

Di seguito il video di Suzanne:

Leonard Cohen, I’m Your Man

Per molti I’m Your Man è una delle canzoni più significative della discografia di Cohen, un brano che risente dei primi passi dell’artista, quando per passione faceva il poeta e regalava immagini quasi visionarie con i suoi testi. La musica era quasi un di più, la ciliegina sulla torta.

Di seguito il video di I’m Your Man:

Leonard Cohen, Everybody Knows

Scritta in collaborazione con la cantante statunitense Sharon RobinsonEverybody Knows è un’altra delle perle indiscusse di Cohen, una canzone a tratti ipnoticamente piatta, altre vole spiazzante con le sue aperture improvvise.

Di seguito il video di Everybody Knows:

Leonard Cohen: la discografia

Il poeta Cohen fa il suo esordio nel mondo della musica nel 1967 con il disco Songs Of Leonard Cohen, una raccolta di poesie messe magistralmente in musica e primi esperimenti del cantautore.

La via della musica porta ottimi risultati a Cohen, che pubblica il suo secondo disco nel ’69 (Songs From a Room), cui segue lo splendido Songs Of Love And Hate, datato 1971.

Di grande rilievo nella discografia di Cohen anche Various Positionsil suo primo album degli anni Ottanta (1984), un decennio d’oro per l’artista conquista milioni di fan con I’m Your Man (1988).

Artista in grado di resistere al passaggio delle generazioni, Leonard pubblica nel 2001 il suo decimo album, Ten New SongsL’ultima perla del cantautore risale al 2016, anno della sua morte. Sono molte le persone che considerano You Want It Darker come il testamento musicale dell’immenso Leonard.

Fonte foto copertina: https://www.facebook.com/pg/leonardcohen/

ultimo aggiornamento: 07-11-2019