Le migliori canzoni di Patti Smith nel giorno del suo compleanno

Festeggiamo il compleanno di Patti Smith con le sue migliori canzoni: da Because the Night a Gloria.

Patti Smith compie 72 anni. La poetessa del rock, ancora attivissima nella sua carriera con tour non solo musicali, ma anche letterari, ha scritto nella sua carriera tanti capolavori, divenuti col tempo classici del rock internazionale. Canzoni immortali che ancora oggi emozionano, divertono e portano ad attente riflessioni su ogni aspetto della vita umana.

Le migliori canzoni di Patti Smith

Da Because the Night a Gloria, passando per Radio Ethiopia, riascoltiamo i brani migliori di Patti Smith. Un’artista capace di essere, grazie anche al contributo di colleghi e della sua band, di scrivere pagine importanti della musica rock, diventando una vera pioniera del punk, un genere esploso negli anni migliori della sua carriera. Riascoltiamo insieme le sue canzoni più famose.

Patti Smith
Fonte foto: https://www.facebook.com/pg/PattiSmithAuthor/

Patti Smith – Because the Night

Forse la sua canzone più famosa in assoluta, di certo una delle più belle. Registrata inizialmente da Bruce Springsteen, venne concessa dal Boss alla collega (che stava incidendo nella sala a fianco). Patti la lanciò come primo singolo dell’album Easter, portandola al successo clamoroso che dura ancora oggi.

Di seguito l’audio del mitico pezzo della poetessa del rock:

Patti Smith – Dancing Barefoot

Scritto da Ivan Kral e dalla grande cantautrice, venne pubblicato come singolo del 1979, tratto dall’album Wave. Si tratta di un brano dedicato a tutte le donne che sono come l’amante dell’artista Amedeo Modigliani, Jeanne Hébuterne.

Ascoltiamola insieme:

Patti Smith – Radio Ethiopia

Title track del secondo album, dell’ottobre 1976, nei suoi dieci minuti circa ci racconta tutto ciò che è stata ed è ancora Patti Smith: una figura unica nel suo genere, indefinibile, incontenibile, irripetibile.

Di seguito questo splendido brano:

Patti Smith – Kimberly

Horses è l’album di debutto di Patti Smith, datato 1975, ed è uno dei dischi più importanti della storia del rock (in generale della storia della musica). Il lato B di questa pietra miliare è aperta da un brano, Kimberly, che è entrato nell’immaginario dei fan della poetessa come uno dei più autentici della sua discografia.

Ascoltiamolo ancora una volta:

Patti Smith – Gloria

Chiudiamo con la canzone di apertura del disco Horses. Si tratta di una cover del famoso brano Gloria di Van Morrison, riscritta nella prima metà da Patti Smith (In Excelsis Deo), con un testo totalmente stravolto, con versi punk che giocano tra il sacro e il profano. Ne è un esempio la frase iniziale: “Jesus died for somebody’s sins, but not mine“.

Qui l’audio ufficiale della canzone:

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/pg/PattiSmithAuthor/

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 29-12-2018