Da Gold a Through The Barricades, i cinque brani più belli della discografia del gruppo new wave britannico degli Spandau Ballet, capitanati da Tony Hadley.

Come una delle band synth-pop più eleganti e sofisticate emergenti dal movimento New Romantic dei primi anni ’80 in Inghilterra, gli Spandau Ballet sono entrati in scena con un acclamato singolo di debutto e un album che ha segnato il 1981 in grande stile. Alla fine del decennio, il gruppo aveva pubblicato sei album, riscuotendo un notevole successo nella propria terra natale.

Il successo americano fu certamente meno sostenuto e, in diversi ambienti, gli Spandau Ballet sono meglio conosciuti come una band chiave di quel periodo. Ecco uno sguardo approfondito alle 5 migliori canzoni di questa band degli anni ’80 del ‘900.

Spandau Ballet, le canzoni più amate

Iniziamo la nostra lista con un evergreen: Gold. Elegante compagna del suo predecessore singolo di grande successo, questa traccia del 1983 mette in risalto – in modo intelligente – la voce e le partiture emotive di Tony Hadley con un arrangiamento e una performance appropriatamente appariscenti.

Il video di Gold:

Le sfumature più oscure dei primi dischi degli Spandau Ballet sono ormai del tutto sparite, ma c’è sicuramente un posto per gli accordi di chitarra puliti e jazz di Gary Kemp e l’approccio musicale impegnato ma diretto in mostra qui. Proprio come il titolo, la canzone brilla e luccica, senza paura e pienamente orgogliosa di quella che è.

Passiamo, poi, a Through the Barricades. Questo brano del 1986 tratto dall’omonimo LP degli Spandau Ballet ha una natura profondamente sociale.

Il video di Through the Barricades:

Ispirata dalle esperienze personali del gruppo legate alle turbolenze politiche in Irlanda del Nord, questa canzone rispecchia perfettamente il periodo in questione. Musicalmente parlando, il lavoro di chitarra di Gary Kemp è saldo – non solo nell’arrangiamento: infatti, quest’ultimo lavora – in modo simbiotico – con la potente voce di Hadley per offrire un’esperienza di ascolto di musica squisitamente pop.

Il successo della band potrebbe essere leggermente diminuito prima dell’uscita di questo disco, ma i suoi punti di forza hanno contribuito a invertire questa tendenza almeno per un po’. Un brano, pop profondamente triste, ma tremendamente umanistico.

C’è, poi, Be Free With You Love. L’ultimo album degli Spandau Ballet della sua era core, completato nel 1989, non è stato nemmeno pubblicato negli Stati Uniti. Peggio ancora, non ha avuto un grande impatto anche nel Regno Unito, nazione nativa del gruppo, ma ha dimostrato che la verve pop della band non era del tutto passata.

Il video di Be Free With You Love:

Tuttavia, ciò non significa che non ci sia musica di qualità in questo disco, in particolare questa melodia vivace che si basa ancora sui punti di forza della partnership Kemp-Hadley.

Spandau Ballet, Round and Round e Only When You Leave

Round and Round. Anche se la sua apertura synth sembra essere ispirata dallo scintillante singolo di Yazoo, Only You, questa traccia diventa più che distintiva mentre si sviluppa.

Il video di Round and Round:

Il merito di ciò dovrebbe probabilmente andare – in gran parte – al cantautore Gary Kemp, ma Hadley merita anche molti elogi per la sua voce pulita e appassionata. Questa è una ballata meravigliosamente equilibrata, supportata abilmente da chitarre arpeggiate e tastiera ben posizionate.

Infine, citiamo Only When You Leave. È difficile immaginare come questo brillante e accessibile singolo del 1984 avrebbe potuto raggiungere il massimo solo il 34° posto nelle classifiche pop di Billboard sulla scia dell’enorme successo statunitense di True.

Il video di Only When You Leave:

Dopotutto, il sound sophisti-pop completamente impegnato degli Spandau Ballet a questo punto della loro carriera, avrebbe dovuto fare appello ai fan del soft rock e persino al rock mainstream.

Nonostante l’accoglienza americana modesta, questa canzone ha ottenuto un enorme successo in tutta Europa, dimostrando che l’elegante combinazione della band di chitarre di buon gusto, sassofono, voce impennata e melodie calde ha sicuramente raggiunto molti fan della musica degli anni ’80 in modo positivo.

Tony Hadley
Tony Hadley
TAG:
canzoni Spandau Ballet

ultimo aggiornamento: 16-10-2020


Let Me Love You Like a Woman: ecco il nuovo singolo di Lana Del Rey

John Mayer, le migliori canzoni: da Edge of Desire a Say