Scopriamo qualche curiosità su Born This Way, secondo album in studio di Lady Gaga, eclettica cantautrice statunitense.

Born This Way, secondo album di Lady Gaga, fu caricato di un’inevitabile pressione, visto che doveva cercare, in qualche modo, di replicare il fenomenale successo di The Fame, uno dei più grandi album di debutto della storia. Poi c’era la necessità di dimostrare che, nonostante tutta la sua teatralità, Gaga aveva qualcosa di importante di cui parlare. E, infine, l’instancabile sperimentazione che ora comprendiamo essere centrale per il suo mestiere, necessitava di un nuovo sbocco. Ripetersi semplicemente non sarebbe stata un’opzione.

Lady Gaga
Lady Gaga

Lady Gaga, qualche curiosità sull’album Born This Way

Nonostante le pressioni della promozione e dei tour, che avevano consumato gran parte del tempo di Lady Gaga, Born This Way è stato scritto 12 mesi, prima dell’uscita, avvenuta il 23 maggio 2011. Le sessioni di registrazione sono state interrotte nel programma internazionale della star e questo le ha dato l’opportunità di invitare i collaboratori che ha incontrato nei suoi viaggi, insieme al battaglione di produttori – tra cui RedOne e DJ White Shadow – ormai onnipresenti su colossi commerciali come questo.

La title track dell’album ha subito attirato inutili polemiche. Born This Way condivide un po’ di DNA con Express Yourself di Madonna, ma l’energia della canzone di Gaga è distinta e potente. Niente di tutto ciò, tuttavia, ha danneggiato la performance della canzone: il suo messaggio di positività e auto-empowerment ha aiutato il brano ad entrare nella classifica degli Stati Uniti alla posizione numero 1, diventando la sua terza canzone Hot 100 arrivata in cima alle classifiche, nonché nella Top 10 in ogni mercato principale. La performance del brano ai Grammy Awards è una delle sue più celebri, mentre il video diretto da Nick Knight, che mescola concetti di alta moda, offre una delle sue dichiarazioni visive più sorprendenti.

Il video di Born This Way:

Con Fernando Garibay in qualità di direttore musicale dell’album, Lady Gaga ha utilizzato le 14 tracce di Born This Way per mostrare nuovi suoni e sottili cambiamenti di direzione. Anche la collaborazione con RedOne per Judas – scelta come secondo singolo, pubblicato appena prima dell’album – era una scommessa sicura, visto che attingeva ai ricordi pop degli anni ’80 ed era un brano molto efficace sulla pista da ballo.

Marry The Night come primo singolo dell’album

Marry The Night – originariamente – doveva essere il primo singolo di Born This Way, ma è finito per essere l’ultimo ad essere pubblicato, nel novembre del 2011. Si ispira a icone rock come Bruce Springsteen, Meat Loaf e Pat Benatar. In effetti, il rock melodico degli anni ’80 è un filone tematico distinto in tutto l’album. Miss Germanotta ha compreso chiaramente la spinta tribale di quello stile e l’ha mescolata abilmente nella sua musica. La miscela era forte in discoteca, ma era potente anche in radio.

Gli altri due singoli di Born This Way – You And I e The Edge Of Glory – amplificano ulteriormente l’impronta rock. Brian May e Robert John “Mutt” Lange dei Queen – famosi per il suo lavoro con Def Leppard, Shania Twain e, più recentemente, con i Maroon 5 – hanno lavorato al primo, tirando fuori una certa influenza country. The Edge Of Glory è un glorioso ibrido pop-rock, con un assolo di sax del compianto Clarence Clemons, che aveva suonato con la E Street Band di Springsteen nel suo periodo di massimo splendore.

La posizione della critica

I critici erano – in qualche modo – sconcertati dalla direzione generale di Born This Way, in quanto lo trovavano difficile da classificare, ma – in gran parte – sostenevano l’ambizione di Gaga di mescolare una formula esistente molto forte. Government Hooker condivide l’energia di Born This Way, ma ha un taglio dance più denso e arrabbiato, mentre i sintetizzatori ringhianti e balbettanti di Scheibe fanno leva su un ritornello pop più familiare. “Se sei una donna forte, non hai bisogno del permesso” annuncia Gaga nel bridge della canzone ed era chiaro che non ne aveva bisogno in quella fase della sua carriera.

La melodia è alla base di tutto qui. Basti pensare a Highway Unicorn (Road To Love) ma anche a Heavy Metal Lover che rimane ancorato alle sue radici dance, mentre la traccia successiva, Electric Chapel, poteva essere eseguita da Billy Idol 20 anni prima. Infine, You And I poteva essere stata presa dal libro dei canti di Elton John e Bernie Taupin. Tre brani consecutivi ma molto diversi tra loro, testimoniano l’estro e la creatività irrequieta che caratterizzano lo sviluppo musicale di Lady Gaga.

A quasi un decennio dalla sua uscita e liberato dall’accresciuta aspettativa che ha accolto il suo arrivo, Born This Way può essere visto come l’album ponte che ha riscritto la storia della cantautrice: con la sua ricca celebrazione dello spirito umano, tale album potrebbe semplificare eccessivamente il messaggio, ma Miss Germanotta ha dimostrato di essere molto a suo agio con chi era – e, cosa altrettanto importante, voleva che lo fossimo anche noi.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

Lady Gaga

ultimo aggiornamento: 23-05-2021


Eurovision 2021, il pagellone finale: super Maneskin, nessuno come loro

I Maneskin vincono l’Eurovision: “Incredibile!”