La Differenza, Chiara Ragnini cambia volto con il nuovo album e non delude

Chiara Ragnini cambia look e si vede… “La Differenza“, il nuovo album in uscita il prossimo 28 aprile

chiudi

Video della settimana: Cosa lega Kurt Cobain ad Amy Winehouse?
Caricamento Player...

La Differenza, album coraggioso (anche se non fino in fondo) e innovativo di un Chiara Ragnini che abbandona la via tradizionale e prova ad imporsi con l’originalità, la grinta e quella voglia di essere sé stessi che non guasta mai. Anzi.

L’apertura è affidata a Un colpo di pistola, il singolo pieno di carica (emotiva e musicale) che coinvolge e non stanca sulle note di un pop dal sapore di rock. E anche questo non guasta. Stupisce in generale la ricercatezza dei testi e la padronanza della lingua, cara amica tra la metrica e il messaggio da trasmettere. La seconda traccia, Il vortice bianco, non brilla ma si allinea alla tradizione radiofonica attuale. Stessa idea in testa ma maggiore audacia sullo spartito invece dimostra Un angolo buio. Sperimentale ma non perfetta In ogni angolo del mondo, mentre il livello qualitativo (così come quello emozionale) s’impenna con Grigiocielo: la tematica non sarà originale, certo, ma le parole e il vestito rappresentano una bella rottura con le canzoni che provano a strappare le lacrime agli ascoltatori. Un bell’angolo di Chiara, una fantastica prospettiva. Interessante – decisamente – Oggi ho perso, avvolgente Domattina, anche se (ri)cade nella sfera della logica commerciale. Il finale, tra Sospesa e Coda (con la collaborazione di Roggy Luciano), è tutto da vivere.

Eclettica, vivace e coinvolgente: il nuovo look musicale di Chiara Ragnini piace e merita fiducia e ascolto.