Kurt Cobain fu trovato morto a casa sua a Seattle l’8 aprile 1994. Lasciò una nota che annunciava il suo suicidio. Ecco cosa pensa il manager dei Nirvana, Danny Goldberg.

È stato la voce di una generazione e l’ispirazione di innumerevoli band, ma Kurt Cobain era il suo critico più spietato.

Il frontman dei Nirvana si è tolto la vita a soli 27 anni. Quando il suo corpo senza vita fu ritrovato nella sua casa di Seattle, l’8 aprile 1994, i suoi milioni di fan erano inconsolabili.

Il travagliato musicista è stato a lungo considerato una delle figure più influenti nella musica alternativa: lui e i Nirvana hanno, infatti, generato il fenomeno del grunge.

Fortemente influenzato dai Beatles, il secondo album dei Nirvana, Nevermind, li portò alla fama internazionale con il singolo principale, Smells Like Teen Spirit, che diventò l’inno della Generation X.

A 26 anni dalla sua morte, in molti pensano ancora che non si sia trattato di suicidio, ma di omicidio. Chi avrebbe ucciso il tormentato artista? Ecco cosa pensa il manager della band, Danny Goldberg.

Kurt Cobain è stato ucciso? Le parole di Danny Goldberg

Il leader dei Nirvana ha sofferto di depressione e ha combattuto la dipendenza da eroina negli ultimi anni della sua vita.

Nonostante avesse – apparentemente – trovato la felicità con Courtney Love dalla quale ha avuto la figlia adorata, Frances Bean, il 5 aprile 1994, Cobain prese la straziante decisione di porre fine alla sua vita.

Il suo corpo è stato trovato tre giorni dopo da un elettricista, che era giunto a casa per installare un sistema di sicurezza.

Due giorni dopo, settemila persone in lutto hanno partecipato a una veglia pubblica nella sua città natale di Seattle e la sua vedova devastata ha letto estratti del suo biglietto suicida.

Il manager della band, Danny Goldberg, si è espresso varie volte sulla vicenda, nel corso degli anni.

Ecco le sue parole:

Ne scrivo in modo più dettagliato nel libro [‘Serving the Servant’, ndr] perché ho incontrato Tom Grant, una volta, e una volta mi è bastato. Grant era un investigatore che ha fatto girare per tutti questi anni la teoria della cospirazione [omicidio, ndr]

E aggiunge:

Sai, mi ha dato le sue ragioni sul perché pensava che ciò fosse molto sospetto e gli ho detto: ‘Non pensi che il Dipartimento di Polizia di Seattle avrebbe indagato su questo? È una specie di notizia da prima pagina ed è molto sotto controllo. E ha detto: ‘Oh, so come i dipartimenti di polizia possono essere corrotti.’ Quindi a quel punto, ho smesso di prestargli attenzione perché questo era per me assurdo, l’implicazione di Courtney avrebbe in qualche modo fatto in una stazione di polizia di Seattle per corromperli. Non penso che l’avrebbero nemmeno lasciata entrare in una stazione di polizia. Soprattutto a quei tempi”.

Il video di Smells Like Teen Spirit:

Kurt Cobain, il ricordo di Dave Grohl

Per Dave Grohl, batterista dei Nirvana prima di essere il frontman dei Foo Fighters, rimase sconvolto dalla notizia della morte del suo compagno di band.

Ecco come commentò Grohl la notizia della morte di Cobain:

Probabilmente la cosa peggiore che mi sia successa nella mia vita. Ricordo il giorno dopo che mi sono svegliato: avevo il cuore spezzato dopo la sua morte. Mi sono sentito tipo ‘Okay, quindi oggi mi sveglio, vivo un altro giorno e lui no“.

La spirale di Cobain nel mondo della tossicodipendenza è iniziata a soli 13 anni, quando provò la cannabis per la prima volta.

Ha sperimentato droghe e alcol e ha provato l’eroina per la prima volta quando aveva 19 anni e quattro anni dopo era un vero e proprio tossicodipendente.

Kurt Cobain
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/pg/kurtcobain

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/pg/kurtcobain

TAG:
Kurt Cobain news nirvana

ultimo aggiornamento: 09-04-2020


Viceversa di Francesco Gabbani supera i 30 milioni di views su YouTube: è il più visto di Sanremo

Achille Lauro e la quarantena: “Mi sono riscoperto cuoco”