John Lennon, Happy Xmas (War is Over): la storia e il significato del brano di Natale più famoso dell’ex Beatle, nato in realtà come pezzo contro la guerra.

Tra i classici del Natale ce n’è uno che spicca per originalità e per una storia particolare. Stiamo parlando di Happy Xmas (War is Over), il classico firmato da John Lennon. Una canzone natalizia nata in realtà come canzone di protesta. Pubblicata il 6 dicembre 1971 dalla Plastic Ono Band, venne scritta da John Lennon e Yoko Ono ispirandosi a uno standard folk. Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere su questo piccolo grande capolavoro.

John Lennon, Happy Xmas (War is Over): il significato e le origini

Brano inciso a New York tra il 28 e il 29 ottobre 1971 sotto la produzione di Phil Spector, Happy Xmas era in realtà una canzone di protesta contro la guerra in Vientam, come si può facilmente intuire dal testo. Solo con il tempo è diventato un vero e proprio classico di Natale.

John Lennon e Yoko Ono
John Lennon e Yoko Ono

Si è a volte parlato del brano di Lennon e Ono come di un plagio. In realtà, si tratta di una canzone che si ispira a un vecchio brano tradizionale folk, Stewball, un vero standard interpretato in passato da tantissimi grandi artisti, come Woody Guthrie, Paul and Mary e altri ancora. Ascoltiamo insieme proprio una versione del grande Guthrie:

Happy Xmas: le cover più famose

Dopo essere diventato un vero e proprio classico natalizio, Happy Xmas è stato reinterpretato tantissime volte da artisti di altissimo livello. Tra le cover più famose ci sono quelle di Neil Diamond del 1992 e quella di Céline Dion del 1998, ma anche in Italia è stata più volte cantanta. Ad esempio dai Pooh, che ne hanno pubblicato una versione nel 1983, ma anche da Irene Grandi, Cristina D’Avena e poi ancora da Elisa e Tiziano Ferro in un concerto di Natale in Vaticano.

Tutte queste cover vanno rispettate, ma lo spessore dell’originale resta ineguagliabile:

TAG:
John Lennon Natale strillo

ultimo aggiornamento: 23-12-2020


The Voice Senior, il vincitore Erminio Sinni: “Mi piacerebbe essere ospite a Sanremo”

Vasco Rossi e non solo: gli album più attesi del 2021