Intervista esclusiva a Dolcenera: ” Non abbiate speranza, il sogno è positivo, il sogno fa muovere le cose”

Perché i Green Day si chiamano così?

A distanza di 3 anni dal lavoro precedente torna nel panorama musicale Dolcenera con l’album: Le Stelle Non Tremano.

Di seguito l’intervista esclusiva a Dolcenera, rilasciata ai microfoni di Selenia Orzella, inviata per MusicBox.

Dolcenera, stai facendo questo tour per presentare questo concept album “Le Stelle non Tremano”, che è una sorta di invito che tu fai a chi ti ascolta, di agire piuttosto che ad essere passivi.  Da dove sei partita per scrivere queste 11 tracce?

Lo faccio prima di tutto a me stessa questo invito. L’album parte da un pezzo che ho portato a Sanremo nel 2012  “Ci Vediamo a Casa”, un pezzo che prendeva le sue origini testuali da una rabbia interiore e dalle difficoltà di avere un mutuo. In quel momento era di tutti i giorni la notizia che le banche erano distanti dalla gente, la crisi incalzava sempre più. Quella rabbia che mi ritrovavo ad avere, lasciava spazio al desiderio del come sarebbe bello vederci a casa. La strofa era molto cattiva e non dava speranza. A lungo andare questa rabbia inevitabilmente si è trasformata in voglia di fare, non puoi essere perennemente arrabbiata. Dopo aver visto un’intervista a Mario Monicelli, dove diceva: “Non abbiate speranza, la speranza è qualcosa che vi arriva dall’alto, è passiva. Il sogno è positivo, il sogno fa muovere le cose”, mi sono svegliata, ho cercato di capire me stessa a fondo, i miei difetti e i miei punti di forza, mi sono messa in gioco, puntando in alto. Sono partita da tutto questo per scrivere questo nuovo album.

Per guardare l’intervista integrale a Dolcenera clicca qui.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 24-09-2015

Redazione Notizie Musica