Francesco De Gregori, arte e comicità: all’Arena di Verona Checco Zalone rompe la sacralità de La donna Cannone

Perché i Green Day si chiamano così?

All’Arena di Verona, martedì sera, Francesco De Gregori ha festeggiato i 40 anni dell’album Rimmel: non è mancata la comicità rappresentata da Checco Zalone.

Chi è andato almeno una volta ad assistere ad un suo concerto sa che Francesco De Gregori, sul palco, è artista tanto generoso quanto scontroso. Ad ogni spettacolo, ad ogni live, le sue canzoni appaiono sempre diverse, tanto che diventa difficile per il pubblico cantare insieme a lui. Non è una cosa che De Gregori ama particolarmente, spesso preferendo i teatri alle piazze. Ma l’appuntamento con i 40 anni di uno dei dischi più belli della musica italiana, Rimmel, non poteva non essere festeggiato a dovere in un teatro poco convenzionale come l’Arena di Verona.

Lì l’artista si è esibito facendosi accompagnare dalle migliori voci, maschili e femminili, del panorama nazionale. Ha richiamato Ligabue, che già aveva duettato con lui, ha scelto la voce potente e particolare di Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, quelle di Elisa e Malika Ayane. Non solo, perché su quel palcoscenico è salito anche Checco Zalone. Sì, proprio il comico che notoriamente quando si esibisce al pianoforte lo fa per imitare altri artisti e storpiare canzoni. In un certo senso lo ha fatto anche nella serata celebrativa di Rimmel. Al pianoforte per La donna cannone, una delle più celebri – se non la più celebre – canzoni di De Gregori , Checco Zalone è andato oltre la sacralità del pezzo, mettendo in scena alcune delle sue più famose imitazioni. E così c’è stato spazio per Vasco Rossi, Ramazzotti, Tiziano Ferro, Carmen Consoli (uno dei cavalli di battaglia di Checco): le parole de La donna cannone e la musica di alcune delle più celebri canzoni degli artisti in questione.

Il pubblico ha gradito, si è divertito, mentre De Gregori appoggiato al pianoforte ha assistito alla performance del poliedrico artista lucano. Una serata riuscita e che resterà nel cuore di chi l’ha vissuta in prima persona, che ha dimostrato se ancora ce ne fosse bisogno che almeno la musica non invecchia mai.

Rimani sempre aggiornato sul mondo della musica, lascia la tua email qui sotto:

Privacy Policy
Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 24-09-2015

Ivana Crocifisso