La storia e i brani di nursery Cryme, storico album dei Genesis, arrivato nei negozi di dischi il 12 novembre 1971.

Rilasciato nel 1971, Nursery Cryme è il terzo album in studio dei Genesis, ma il primo a presentare il nuovo chitarrista Steve Hackett e il batterista Phil Collins. Si tratta dell’album più iconico della band, che presentò al pubblico quelli che sono diventati tre brani classici The Musical Box, Return Of The Giant Hogweed e Fountain Of Salmacis. È stato l’album di maggior successo della band, entrando nella Top 40 del Regno Unito. Il sorprendente dipinto di copertina di Paul Whitehead, riprendeva il tema vittoriano di molte delle canzoni e ha ispirato molte delle band che sono seguite nel corso degli anni ’70.

Genesis
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/genesis

Genesis, la storia dell’album Nursery Cryme

Nursery Cryme uscì il 12 novembre 1971, diventando, nel tempo, l’album più apprezzato dei Genesis. Fu proprio questo lavoro discografico a far capire quanto l’introduzione, nella band, di Phil Collins e Steve Hackett fosse stata importante, in quanto portarono al gruppo nuove idee musicali ed energia al gruppo, che aveva pubblicato due album in gran parte ignorati prima della pubblicazione di Nursery Cryme. I Genesis – però – non erano ancora riusciti a creare questa nuova configurazione, portando a un album che il chitarrista e bassista Mike Rutherford disse possedere “alti molto alti” e “bassi molto bassi“.

Brani come “The Musical Box” (che avrebbe fatto parte dei concerti dei Genesis per il resto del mandato di Collins), The Return of the Giant Hogweed, Seven Stones e Fountain of Salmacis hanno indicato la strada verso una serie di migliori 20 collaborazioni a venire con questa formazione. C’è il senso, in Nursery Cryme, di una nuova scoperta, se non di un successo costante. Il video di The Musical Box:

Sia Collins, batterista che – in seguito – ha lavorato con il gruppo jazz-fusion, Brand X, sia Hackett hanno dato importanti contributi iniziali, ma niente è stato facile durante questo percorso. “Qualcosa è decisamente cambiato quando Phil si è unito alla band”, ha detto il cantante Peter Gabriel. “Era un vero batterista, qualcosa di cui non ero mai stato troppo convinto con [i membri precedenti] Chris Stewart e John Mayhew“.

Da parte sua, Hackett – alla fine – ha trovato una scintilla creativa come collaboratore chitarrista con il tastierista Tony Banks. “Dirò che, essendo nella band con Steve, che è anche molto abile con la chitarra e potrebbe ottenere molti suoni diversi con lo strumento, la combinazione di noi due ha prodotto alcune combinazioni che erano piuttosto insolite“, disse Banks a Ultimate Classic Rock nel 2015.

La tracklist dell’album

Di seguito, ecco tutte le tracce che compongono l’album Nursery Cryme:

Lato A

1 – The Musical Box
2 – For Absent Friends
3 – The Return of the Giant Hogweed

Lato B

1 – Seven Stones
2 – Harold the Barrel
3 – Harlequin
4 – The Fountain of Salmacis

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/genesis

Riproduzione riservata © 2021 - NM

Rock strillo

ultimo aggiornamento: 12-11-2021


Avril Lavigne, ritorno in salsa pop punk: ecco il nuovo singolo Bite Me

Canzone inutile è il nuovo singolo di Alessandra Amoroso