I numeri Uno di Spotify e i ricavi musicali negli ultimi 50 anni 
Vai al contenuto

I numeri Uno di Spotify e i ricavi musicali negli ultimi 50 anni 

Spotify

Spotify celebra The Weekend come l’artista mensilmente più ascoltato.  

Lanciato nell’ottobre 2008, oggi Spotify conta più di 527 milioni di utenti mensili attivi e oltre 210 milioni di abbonati, risultando la piattaforma di streaming audio più popolare al mondo. 

I dati restituiti da StatsPanda (illustrati su DailyInfographic) a settembre 2023 rilevano che il genere preferito dagli utenti è il pop, e l’artista più ascoltato risulta essere The Weekend, con 106,4 milioni ascoltatori mensili. 

Abel Makkonen Tesfaye, in arte The Weekend è conosciuto per essere un cantante, un compositore ed un produttore discografico di origine canadese. Ha raggiunto fama internazionale concentrando nella sua produzione musicale elementi R&B, pop, hip hop e di musica elettronica, insieme ai testi incentrati sul romanticismo, gli eccessi e l’auto-riflessione. 

La sua carriera inizia nel 2010 con il caricamento di alcune canzoni su YouTube (in seguito raggruppate nell’album Trilogy del 2012), per proseguire con il primo album registrato in studio nel 2013 (Kiss Land). Il successo mondiale è stato però raggiunto a partire dal 2015 con il secondo album: Behind the Madness. Nel corso della carriera ha vinto, tra gli altri premi, i Grammy Awards e gli American Music Awards. 

Fuori dal campo musicale è conosciuto per il suo impatto sulla moda e sulla cultura popolare. 

Disco di vinile

Evoluzione dei ricavi musicali dell’ultimo cinquantennio

Visual Capitalist ha analizzato il cambiamento dei ricavi nell’industria musicale negli ultimi cinquant’anni, evidenziando i dati in un’infografica, della quale, di seguito, verranno riportati i punti salienti.  

  • Nel 2022, per il settimo anno di fila, i ricavi della musica registrata negli States sono cresciuti, raggiungendo il massimo storico di 15,9 miliardi di dollari
  • La musica digitale ha costituito l’89% dei ricavi musicali nel 2022: i servizi streaming (Spotify, Amazon Music, Apple Music) rappresentano l’84% del totale dei ricavi. 
  • A dominare gli anni ‘70 è stato il vinile, mentre le cassette sono state il fulcro degli anni ‘80 e il CD degli anni ‘90. 
  • I CD hanno raggiunto l’apice delle vendite nel 2000 con 2,5 miliardi di vendite globali. 
  • Nel 2007 i ricavi provenienti dalle suonerie e dai toni di attesa hanno raggiunto 1,1 miliardi di dollari. 
  • Gli abbonamenti ai servizi musicali on demand hanno superato i 92 milioni. 
  • Bad Bunny, con 18,5 miliardi di stream, è stato per tre anni consecutivi l’artista più ascoltato in streaming. 
  • È in aumento la produzione di brani brevi, in modo da ridurre il tasso di “skip” delle canzoni. 
  • Il vinile sembra avere un rinnovato interesse, soprattutto da parte dei millennial, e per la prima volta dal 1987 le vendite del 2022 hanno superato quelle dei CD.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 13 Novembre 2023 18:00

Vetri fumè, di cosa parla il singolo di Coez e Frah Quintale