La figlia di Bruce Springsteen, Jessica, ha ottenuto la medaglia di bronzo a Roma e forse rappresenterà gli USA a Tokyo.

Jessica Springsteen, figlia del grande Boss, si è classificata al terzo posto nella gara individuale del concorso ippico del Rolex GP a Roma. L’evento si è tenuto a Roma, in villa Borghese, in piazza Siena. Per questo, la figlia del grande artista statunitense è quasi vicina a un importante traguardo: quello di rappresentare gli U.S.A alle Olimpiadi di Tokyo. La gara è stata vinta da David Will, il quale ha ottenuto la Lupa Capitolina direttamente da Virginia Raggi, sindaca della Capitale. Il tedesco è stato seguito dalla statunitense Laura Kraut. La figlia di Bruce Springsteen ha ottenuto la medaglia di bronzo nella gara di equitazione.

Bruce Springsteen
Bruce Springsteen

Bruce Springsteen, la figlia Jessica ottiene la medaglia di bronzo a Roma al Rolex GP

Ha ottenuto la medaglia d’oro al Rolex GP di Roma: parliamo di Jessica Springsteen, figlia del Boss, la quale potrebbe rappresentare gli Stati Uniti alle Olimpiadi di Tokyo nella disciplina dell’equitazione. La ragazza, 29 anni, ha sviluppato il suo amore per questo sport da quando era bambina. Nata il 30 dicembre 1991, Jessica Springsteen è l’unica figlia di Bruce Springsteen e Patti Scialfa. Ha due fratelli: Evan James Springsteen e Samuel Ryan Springsteen. Una foto di Jessica:

Sebbene Jessica non abbia seguito le orme musicali del suo famoso padre, ha avuto successo come professionista nel mondo dell’equitazione. La 28enne ha gareggiato in numerosi campionati -alcuni vincendoli – sia da ragazza che da adulto, ed è stato una ciclista per gli Stati Uniti alle Olimpiadi estive del 2012. La Springsteen va a cavallo da quando era bambina e attribuisce all’educazione del suo paese il merito di aver acceso la sua passione. In un’intervista del 2020 con Upscale Living Magazine, ha detto:

Sono cresciuta nel New Jersey e, quando avevo circa tredici anni, ci siamo trasferiti nella nostra fattoria. Da bambini siamo sempre stati circondati da animali, il che è stato davvero bello. Avevamo polli, mucche, maiali. Ho iniziato a cavalcare quando avevo circa 4 o 5 anni. I miei genitori dicevano sempre che ero competitiva, ma adoravo stare con i cavalli. Non ho mai voluto perdere una lezione; Mi sono impegnata e l’ho presa molto sul serio fin dalla giovane età“.

Jessica Springsteen è nata per andare a cavallo

Oltre a fornirle uno sfondo tranquillo e pittoresco per la sua infanzia, l’ampia fattoria Colts Neck ha anche permesso alla Springsteen di esplorare la sua passione per i cavalli fin dalla tenera età: aveva solo sei anni quando ha avuto il suo primo pony. “Ogni bambina ama i pony. Ero ossessionata dal mio”, ha detto alla rivista Horse & Hound in un’intervista del 2015. La campionessa di salto ad ostacoli dice di essere incredibilmente grata a entrambi i suoi genitori per aver suscitato il suo interesse per i cavalli e averla incoraggiata a seguire i suoi sogni.

Sono stati così coinvolti nello sport e sono davvero fortunata ad avere genitori che mi supportano“, dice. “Avere qualcuno che ti spinge quando diventa difficile. Può essere davvero difficile, quindi sono stato fortunato ad avere una famiglia che mi sostiene e mi aiuta a seguire la mia passione”. Il talento della Springsteen le è valso molti riconoscimenti, tra cui l’American Gold Cup nel 2014 e il primo posto in una competizione di salto a cinque stelle Grand Prix nel 2016.

TAG:
Bruce Springsteen

ultimo aggiornamento: 02-06-2021


Spandau Ballet, le migliori canzoni della band di Tony Hadley

Le migliori canzoni sulla bicicletta: dai Queen a Riccardo Cocciante